Il lancio della 308 SW è rimandato a febbraio 2022

Una carenza globale che sta colpendo molti produttori in tutto il mondo.

Il lancio della 308 SW è rimandato a febbraio 2022. La carenza di semiconduttori che va avanti da quasi un anno sta colpendo duramente Peugeot. Secondo le nostre fonti, la fabbrica Stellantis di Mulhouse è così a corto di pezzi che il lancio commerciale della Peugeot 308 SW è stato rinviato…

nella migliore delle ipotesi.

Alcuni esemplari di pre-produzione sono stati prodotti, ma la Lion non è in grado di soddisfare gli ordini per il momento. La berlina continua ad essere prodotta, ma non tutte le attrezzature sono disponibili. Inoltre, alcune delle auto che escono dalla linea di produzione devono essere rifinite nel magazzino prima della consegna. Questo nel migliore dei casi, perché la fabbrica potrebbe essere chiusa.

Di conseguenza, molti dipendenti sono messi a lavorare a orario ridotto.

Per esempio, a settembre, la fabbrica di Mulhouse è rimasta chiusa per quasi due settimane in totale, il che ha avuto inevitabilmente un impatto sui salari. Anche le condizioni di lavoro sono cambiate, poiché le linee funzionano più velocemente nei giorni in cui sono in funzione, per compensare parte del calo della produzione. Questo episodio si è verificato anche con Opel, la quale ha dovuto chiudere la fabbrica per carenza di chip.

308 SW: tempi di consegna molto variabili

C’è ora la questione della Peugeot 508 e della DS7 Crossback, due modelli prodotti anche nella fabbrica di Mulhouse. Anche se i loro rispettivi volumi di vendita sono molto inferiori a quelli della 308, anch’essi potrebbero soffrire della carenza globale che colpisce molti produttori in tutto il mondo, soprattutto perché sono molto elettronici. Il funzionamento a scatti dell’azienda non è comunque senza conseguenze sui tempi di consegna, che oggi oscillano tra i 3 e i 9 mesi per i tre modelli, a seconda delle forniture.

peugeot 308 sw rimandata

Resta ora da vedere come si evolverà la situazione, soprattutto perché il settore automobilistico è solo un attore minore per l’industria dei semiconduttori. I computer e i dispositivi elettronici, invece, sono molto più avanti e quindi serviti per primi. Senza contare che non tutti i produttori sono necessariamente disposti a pagare il prezzo pieno per i loro chip.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Fabbrica di Audi A4 e R8 salvata dalla produzione di batterie

Testimonial dell’automobile: da Federer a Nadal, da DiCaprio a Vatanen

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media