Losail International Circuit: storia e curiosità dell’autodromo

Il circuito di Losail, noto anche come Losail International Circuit, è stato ufficialmente ultimato nel 2004: ecco la sua storia e le sue caratteristi

Il circuito di Losail, conosciuto anche come Losail International Circuit, si trova in prossimità della città di Doha, capitale densamente popolata dello Stato del Qatar, emirato del Vicino Oriente, situato nella penisola Arabica.

Losail International Circuit: le origini

Il circuito di Losail, destinato alle competizioni motociclistiche e automobilistiche, è stato progettato e realizzato nel corso di un anno soltanto.

Per procedere alla costruzione del tracciato, è stato necessario investire una cifra di oltre 58 milioni di dollari mentre, per ultimare la struttura, sono stati impiegati circa un migliaio di lavoratori.

L’autodromo, infine, è stato ultimato nel 2004: nello stesso anno, ha ospitato il Marlboro Grand Prix of Qatar, che in quella circostanza venne vinto da Sete Gibernau.

LEGGI ANCHE: Circuit Park Zandvoort: storia e curiosità dell’autodromo

Curiosità e caratteristiche dell’autodromo

In relazione al mondo del motociclismo, il Losail International Circuit è diventata una delle principali location designate per lo svolgimento delle gare del Campionato mondiale Superbike e, soprattutto, del Motomondiale.

Per quanto riguarda il campo delle competizioni automobilistiche, invece, il circuito di Losail rappresenta costantemente una delle principali tappe del GP2 Asia Series.

Il tracciato presenta una lunghezza complessiva pari a 5.380 metri: il percorso è dotato di 16 curve mentre il rettilineopiù lungo si espande per 1.068 metri.

La pista è complessivamente circondata da erba artificiale: una simile scelta è stata apportata al fine di contrastare l’accumularsi di sabbia presso l’impianto, in considerazione dei problemi causati dalla vicinanza della struttura con il deserto.

Il record attualmente registrato sulla pista è pari a 1’54”927. Il record risale al 20 marzo 2016 ed è stato effettuato da Jorge Lorenzo su Yamaha YZR-M1.

Una delle peculiarità più rilevanti dell’autodromo, poi, consiste nella possibilità di organizzare gare da svolgere in orario notturno.

La struttura, infatti, si avvale di un innovativo e performante impianto di illuminazione che rendono possibile competere di notte. A questo proposito, la prima gara organizzata in contesto serale è stata l’edizione 2008 del Gran Premio motociclistico del Quatar.

LEGGI ANCHE: Shanghai International Circuit: storia e curiosità dell’autodromo cinese

Scritto da Ilaria Minucci
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Honda RC213V 2021. novità sul telaio per essere più competitiva

KTM RC16 2021, pronta a fare di nuovo la differenza in pista

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media