Nissan Micra: un futuro elettrico ma incerto

Potrebbe essere tecnicamente imparentata con la futura auto elettrica Renault 5.

Qual è il futuro della Nissan Micra? I sistemi di controllo delle emissioni e di elettrificazione dei veicoli sono costosi. Tuttavia, i piccoli modelli di produttori generalisti possono trovare il loro pubblico solo se sono offerti a prezzi accessibili. Questo è il motivo per cui il segmento delle city car sta diventando sempre meno redditizio.

Il numero 2 di Nissan ha annunciato nel settembre 2020 che la Micra avrebbe avuto una sesta generazione e che questa sarebbe stata progettata da Renault.

Tuttavia tra la crisi sanitaria, le difficoltà di approvvigionamento e l’incertezza sull’evoluzione dei regolamenti ambientali, l’ambiente di sviluppo dell’industria automobilistica sta cambiando giorno dopo giorno. Guillaume Cartier, presidente di Nissan per Europa, Oceania, Africa, India e Medio Oriente, ha rivelato che il futuro della Micra è ancora incerto.

Nissan Micra: un contesto sempre più difficile

Il rinnovo della Micra deve ancora essere confermato. Makoto Uchida, CEO di Nissan, aveva suggerito che il produttore giapponese, in cattiva salute finanziaria, potrebbe ridurre il numero dei suoi modelli. “Nessuna decisione è stata ancora presa”, ha detto Guillaume Cartier a proposito del futuro della Micra. L’attuale modello è stato lanciato alla fine del 2016 e ci si aspetta che si ritiri entro il 2024.

La norma Euro 7 potrebbe entrare in vigore l’anno successivo e rivelarsi così restrittiva sulle emissioni di scarico da firmare la condanna a morte dei motori a combustione. Ciò va ad eccezione degli ibridi più elettrificati, ma i suoi contorni non sono ancora stati decisi.

“Da un punto di vista strategico, stiamo scommettendo sull’elettrificazione, al punto che non stiamo investendo in Euro 7″, ha detto Cartier. Una possibile Micra 6 sarebbe quindi 100% elettrica.

“Questo è assolutamente cruciale”, pare che il manager abbia insistito.

futuro nissan micra

Oltre ai vincoli legati ai regolamenti, il rinnovo della Micra sarebbe compromesso dal calo delle sue vendite in Europa, da più di 86.000 unità nel 2017 a meno di 40.000 durante un anno segnato dalla pandemia. “Il nostro core business oggi e domani è il crossover. Parlo di Juke, Qashqai, X-Trail, Ariya e la nuova auto di cui abbiamo parlato (il SUV elettrico che sostituirà la Leaf). Sono già cinque auto, e per ognuno di loro dobbiamo assicurarci di avere profondità e abbastanza propulsori per raggiungere i nostri volumi. Vogliamo fare in modo che questo nucleo, in termini di volume per modello, aumenti”, avrebbe spiegato Guillaume Cartier.

Una Renault 5 elettrica in stile giapponese?

Ciò che sembra ancora certo è che la possibile salvezza della Nissan Micra arriverà attraverso l’alleanza con Renault. “Lavoreremo su tutta la nostra gamma di veicoli commerciali leggeri. Ma una questione rimane aperta, vale a dire quella del punto di ingresso alla nostra gamma. Si tratta di chiederci come possiamo offrire qualcosa, potenzialmente con l’alleanza, che attirerà le persone al marchio Nissan in modo che possano poi passare da un modello all’altro”, ha detto il francese.

Non sarebbe quindi impossibile che la prossima Nissan Micra sia un “cugino” tecnico della futura auto elettrica Renault 5. Potrebbe quindi, come il suo predecessore, essere prodotta in Francia.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Toyota Proace City: i prezzi della variante elettrica

Ineos Grenadier: verso l’idrogeno

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media