Renault 4L: un’auto elettrica con poche modifiche

Secondo Laurens van den Acker, responsabile del design di Renault, questa nuova auto è davvero un modo per vedere interpretazioni moderne di classici.

Dopo aver dato nuova vita alla R5 sotto forma di concept e di futuro modello di produzione, ha resuscitato la Renault 4L. In effetti, una versione moderna di quest’ultima è stata mostrata poco fa al Salone dell’Auto di Parigi.

“Dopo la 5, non potevamo non parlare della 4”, ha dichiarato van den Acker. “Abbiamo la possibilità di reinventare le nostre icone in questo modo, con la transizione energetica. Sono tornate ad essere rilevanti e ad esse sono associati tanti ricordi”.

“Per molti è stata la prima auto che hanno guidato, l’auto delle vacanze, il luogo in cui hanno dato il primo bacio. Quando tutte le auto diventeranno elettriche, rischieranno di diventare comuni, ma queste auto contribuiscono a rimediare”.

Renault 4L: design meno evidente rispetto all’R5 elettrico

Come per la R5, van den Acker promette che questo primo concept è vicino alla versione di produzione. I paraurti, i pannelli laterali e le ruote dovrebbero cambiare. Anche se avrà un aspetto meno simile a quello di un buggy, la futura Renault 4 elettrica dovrebbe mantenere linee simili.

“Amo le concept car e ho disegnato diverse auto da sogno, ma questo non è lo stile di Luca (CEO di Renault).

Facciamo una promessa e la manteniamo. Con il 5, ciò che si vede è ciò che si ottiene. Per la 4 bisognerà aspettare altri due anni, ma la metà superiore sarà complessivamente molto vicina, soprattutto per quanto riguarda le luci e gli interni”.

renault 4l trophy

Il progettista ammette che questo concept 4L ha avuto una gestazione più difficile rispetto alla R5 elettrica. “Con il 5 è stato relativamente indolore. È uscito dalle penne dei nostri designer. Era più difficile per la 4. Non era una bella macchina! La gente non lo comprava per la sua bellezza e richiedeva uno sforzo maggiore”.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com