Volkswagen: possibile utilizzo di un diesel bio

Questo combustibile ha un numero considerevole di vantaggi, ma ha anche degli svantaggi.

Il diesel, ora abbandonato dagli europei dopo il dieselgate, potrebbe tornare in auge con un diesel bio? I produttori stanno cercando di mantenere in vita i loro motori a combustione per qualche anno, nonostante l’inasprimento delle norme. Con l’Euro 7 all’orizzonte, le case automobilistiche devono adattarsi in modo che i loro investimenti più recenti in blocchi termici non siano vani.

Questo comporta, tra le altre cose, i combustibili sintetici o biologici. Questo è in particolare il caso del diesel para-finico, prodotto a partire da materia vegetale. Volkswagen ha annunciato oggi che i suoi diesel più recenti sono ora compatibili con questo carburante.

Diesel bio: solo su 4 cilindri

Per il momento, i V6 TDI non sono interessati da questo importante aggiornamento. Solo i TDI a 4 cilindri prodotti da giugno (CW 25/21) sono omologati per funzionare con gasolio paraffinico prodotto da materia vegetale.

Questo è sorprendente a prima vista, poiché i distributori sostengono che questo carburante “può essere utilizzato come sostituzione, miscela o alternativa al solito carburante”, senza “adattamento specifico e manutenzione”.

“Oltre ad accelerare i nostri sforzi nel campo dell’elettromobilità, Volkswagen continua a lavorare sulle sue gamme di motori a combustione interna. In questo modo, l’azienda risponde alle diverse esigenze dei clienti, tenendo conto delle preferenze internazionali”, ha detto VAG nel suo comunicato stampa.

Nel frattempo, quest’anno sono uscite diverse auto diesel.

volkswagen diesel bio

Un carburante non per tutti

Il diesel parafinico è conosciuto con nomi diversi a seconda del distributore (C.A.R.E Diesel, HVO100, NextBTL, ecc.).

È fondamentalmente materia vegetale che viene idrogenata per trasformarla in idrocarburi. Ci sono molte fonti, compresi tutti i tipi di oli, grassi animali e rifiuti vegetali (legno, paglia). Secondo Volkswagen, riduce le emissioni di CO2 tra il 70 e il 95% (su un ciclo completo, tenendo conto dell’origine del carburante) sui suoi TDI, ma ha anche il vantaggio di ridurre gli ossidi di azoto o le particelle fini, e l’assenza di zolfo o di composti aromatici particolarmente nocivi. Infine, è più stabile nel tempo e “poco sensibile alla degradazione”, a differenza del diesel di petrolio.

Il diesel bio ha quindi un numero considerevole di vantaggi, ma ha anche degli svantaggi. Prima di tutto è raro, poiché le prime pompe HVO sono state appena aperte in alcuni paesi come il Belgio, la Svezia, la Germania e i Paesi Bassi. In secondo luogo, è molto caro: oltre 2,80 euro/litro. Ciò è dovuto, tra l’altro, al processo di produzione piuttosto dispendioso di energia, che è oggetto di dibattito a livello ambientale.

In Italia non lo troverete, poiché è destinato principalmente alle flotte (autobus, aziende, ecc.) dove la gestione delle emissioni è importante. Volkswagen ce lo ricorda spiegando che questo carburante è adatto ai manager, che possono così mescolare elettrificazione e veicoli termici mantenendo bassi livelli di CO2. Tuttavia, la situazione potrebbe cambiare: alla presentazione di HVO100 in Belgio, Total ha annunciato che i biocarburanti potrebbero rappresentare il 15% dei volumi venduti nel 2030 e addirittura il 25% nel 2050. Fino ad allora, le autorità e il pubblico dovranno essere convinti che il diesel non è poi così male, e la produzione dovrà essere aumentata significativamente per far scendere il prezzo.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Malaguti Drakon 125: roadster futuristico economico

Mini Cooper termica: sarà davvero in produzione?

Leggi anche
Contents.media