Aston Martin sostituirà Vantage e DB11 con auto elettriche

Aston Martin punterà ad auto completamente elettriche e sostituirà Vantage e DB11.

La prima auto completamente elettrica di Aston Martin sostituirà la sua gamma di auto sportive a motore anteriore. In base a quanto stabilito dal CEO Tobias Moers, sarà disponibile nel 2025.

La casa automobilistica è in procinto di allontanarsi dalla sua tradizionale fedeltà ai motori a combustione pura V-8 e V-12.

Si sta infatti muovendo verso propulsori ibridi a benzina-elettrici, a partire dalla hypercar full-hybrid Valkyrie, che è prevista per settembre.

Aston Martin: auto completamente elettriche

Un nuovo percorso

L’azienda ha presentato il motore centrale Valhalla, in vista delle spedizioni nel 2023. Una versione plug-in ibrida del SUV DBX seguirà rapidamente, mentre una supercar d’ingresso programmata, anticipata dal concept Vanquish Vision, sarà anch’essa un ibrido plug-in.

La gamma di auto sportive a motore anteriore, tra cui la Vantage e la DB11, passerà poi a modelli completamente elettrici nella prossima generazione, ha detto Moers. L’attuale cadenza ad alte prestazioni di Vantage, DB11 e DBS sarà sicuramente mantenuta, tuttavia con un modello di punta che prevarrà su di esse.

“La successione del nostro settore sportivo tradizionale deve essere completamente elettrica, senza dubbio”, ha dichiarato ad Automotive News Europe.

In che modo le auto tradizionali saranno separate dalla nuova linea, attualmente a motore centrale, in un futuro elettrico non è ancora chiaro. Una maggiore libertà di posizionare le batterie e i motori elettrici attenuerà la distinzione che esiste ora.

Moers ha sostenuto che le auto elettriche avranno un’autonomia di almeno 600 km (372 miglia). Ha inoltre affermato che il passaggio a questa tipologia di veicolo significherà, indubbiamente, che l’attuale gamma di auto sportive sopravvivrà più a lungo di quanto originariamente previsto.

La DB11 coupé è stata lanciata nel 2016, ed è stata la prima auto a segnare la trasformazione intrapresa dal precedente CEO di Aston Martin, ovvero Andy Palmer.

Aston Martin

I piani di Palmer di elettrificare la linea di Aston Martin con la Rapide E, e il lancio del marchio Lagonda completamente elettrico nel 2022, sono stati ignorati dal miliardario canadese Lawrence Stroll. Quest’ultimo, lo scorso anno, ha gettato alla casa automobilistica una vera ancora di salvezza finanziaria, diventando un importante azionista, nonché presidente esecutivo.

Moers ha detto agli investitori, in una chiamata nel mese di maggio, che le prime auto sportive completamente elettriche seguiranno da un SUV elettrico nel 2025 o 2026. Quest’ultimo, sarebbe cruciale a causa della popolarità dei SUV. Aston Martin, inoltre, ha precedentemente detto che il 50 per cento della sua lineup sarà completamente elettrica entro il 2030.

Aston Martin: auto completamente elettriche

Supporto di Daimler

Aston Martin è stata in grado di muoversi sui suoi piani di elettrificazione dopo che Daimler, produttore tedesco, ha accettato di condividere la sua tecnologia. Tutto ciò in cambio di una partecipazione fino al 20 per cento; Daimler attualmente possiede il 2,3 per cento di Aston Martin. La trasmissione V-8 ibrida plug-in nel Valhalla è fornita, invece, dal contributo di Mercedes AMG.

Passare all’energia elettrica non indebolirebbe il marchio, ha detto Moers. “È importante come viene vissuto il marchio, il viaggio del cliente. Queste sono le cose che faranno la differenza”, ha detto. “Si tratterà dell’esperienza, delle dinamiche di guida, di come serviremo i nostri clienti”.

Aston Martin

Moers ha promesso che, mentre il marchio potrebbe usare la tecnologia Mercedes, questa si adatterà alle esigenze specifiche di Aston Martin. Ha fatto l’esempio dell’HMI, o interfaccia umana che include il sistema di infotainment, come qualcosa che potrebbe essere riprogrammato per realizzare un ambiente su misura.

Aston Martin ha previsto che le vendite saliranno a 10.000 all’anno, nel medio termine, dai 6.000 che il marchio ha previsto di vendere quest’anno. Parte di quell’aumento verrà dall’incremento delle vendite del SUV DBX, di cui Aston Martin ha promesso più spin-off. Il DBX, nel primo trimestre del 2021, ha infatti rappresentato il 50% delle vendite all’ingrosso ai concessionari.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Moto sportive: le migliori sul mercato nel 2021

Kymco Visar 125 CBS: la sportiva leggera, minimalista e accattivante

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media