Auto elettriche: come si ricaricano a casa

Auto elettriche, in questo articoli sono spiegati i principali metodi che ne permettono la loro ricarica a casa.

Le auto elettriche rappresentano il presente seppur persiste la presenza di veicoli alimentati a benzina o diesel e saranno sicuramente il futuro del mondo delle automobili. Spesso si parla della loro ricarica, in questo articolo ci focalizzeremo su questo aspetto, in particolare sulla ricarica domestica e su come è possibile effettuarla.

Auto Elettriche: come si effettua la ricarica a casa

Le auto elettriche si possono ricaricare sfruttando la corrente domestica. Bisogna segnalare però che la normale presa di corrente non è in grado di ricaricare un’auto di conseguenza è bene chiedere come fare al proprio gestore d’energia.

Solitamente le aziende che si occupano di energia elettrica possono offrire una maggiore capacità di corrente in modo tale da caricare l’auto elettrica sfruttando la propria presa domestica.

Questo naturalmente comporta un cambiamento del proprio contratto con il gestore di riferimento.

Un altro modo per poterla caricare a casa è tramite una Wallbox definita anche Home Station. Questa può dialogare con la centralina del veicolo e gestire automaticamente il flusso di corrente sulla base delle necessità domestiche.

Auto Elettriche Ricarica Casa: tempi e costi

Per parlare delle tempistiche di ricarica non bisogna far riferimento alla potenza del contatore di casa ma a quella del carica batterie interno al veicolo.

Supponiamo di avere un contatore domestico che esprime una potenza di 4,5 kW e di possedere un’auto il cui caricabatterie interno goda di una potenza di 3,7 kW. Si farà riferimento al valore più basso.

Con questa potenza la ricarica domestica avviene in 5-6 ore. Se si possiede un veicolo il cui valore è più basso si possono raggiungere tempi di ricarica anche di 7-8 ore.

Per i costi si fa riferimento all’offerta di casa, dato che l’auto elettrica è per l’utenza al pari di qualunque altro elettrodomestico. Se però parlando con il proprio fornitore si ha la possibilità di avere un’offerta conveniente che tiene conto di questa esigenza è possibile risparmiare qualcosa.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Filippo Imundi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media