Bugatti Chiron: raggiunti i 400 esemplari

Lanciata nel 2016, la Bugatti Chiron incarna l'eccellenza francese. Il marchio francese prevede di limitare la produzione a 500 unità.

Mentre Renault produce più di 60 Clio ogni ora, Bugatti ha impiegato quasi sei anni per assemblare 400 Chiron. La Bugatti Chiron è stata lanciata nel 2016, ma sarà prodotta in soli 500 esemplari. Ce ne sono ancora un centinaio che vengono prodotte a mano nella fabbrica di Molsheim, in Alsazia.

Per la cronaca, il prezzo di vendita è di 3,2 milioni di euro. Ad oggi, l’ultimo esemplare realizzato è laccato in un colore verde scuro, lasciando visibile la fibra di carbonio.ù

La fibra di carbonio, che deve essere perfettamente adattata alle giunzioni con una trama sempre nella stessa direzione, richiede fino a otto strati, ognuno dei quali è lucidato come uno specchio. Una livrea molto originale che si sposa perfettamente con le ruote scure in magnesio.

Negli interni, il fortunato proprietario ha scelto rivestimenti in pelle in una combinazione di nero e verde, carbonio ed elementi anodizzati neri. Mentre i tocchi del colore “Fierce” si fondono perfettamente con il colore della fibra di carbonio.

Questi sono applicati alla griglia a ferro di cavallo e ai copriruota con il logo EB. Infine, le parti superiore e inferiore del volante di questa Bugatti Chiron sono realizzate in fibra di carbonio a vista.

L’abitacolo a due posti riceve una luce supplementare grazie al tetto Sky View opzionale.

Bugatti Chiron esterni

Bugatti Chiron: il savoir-faire francese

Per ogni auto, 20 dipendenti sono chiamati ad assemblare un puzzle di oltre 1.800 pezzi.

In dettaglio, la copertura del motore è rivestita di un colore chiamato “Nocturne”. Appena sotto, il dantesco blocco W16 da 8 litri, alimentato da un quartetto di turbocompressori, eroga 1.600 CV, 100 cavalli in più rispetto al modello uscito nel 2016. Secondo la scheda tecnica, bastano 12,1 secondi per raggiungere i 300 km/h da fermo, mentre la velocità massima è di 440 km/h.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com