Emissioni: Stellantis paga per i suoi pickup e per la frode di Fiat Chrysler

Stellantis pagherà un assegno di 300 milioni di euro per evitare un processo ancora più costoso per emissioni fraudolente.

Stellantis pagherà un assegno di 300 milioni di euro per evitare un processo ancora più costoso per emissioni fraudolente. Si tratta di una disputa che si conclude dopo diversi anni e che darà un po’ di aria al gruppo americano Fiat Chrysler, ora entità della galassia Stellantis.

Da quando, nel settembre 2015, è emersa negli Stati Uniti la vicenda del dieselgate, i casi di frode sulle emissioni si sono moltiplicati nel Paese della “class action”. Ciò ha dato luogo a cause legali, o ad accordi extragiudiziali siglati proprio per evitare procedimenti giudiziari con dolorose conseguenze finanziarie.

Emissioni: Stellantis paga per i suoi pickup e per la frode di Fiat Chrysler

Il caso andava avanti da anni. Decine di migliaia di veicoli diesel sono stati venduti negli Stati Uniti da Fiat Chrysler con sistemi per aggirare i test di omologazione, che non rispecchiavano le reali emissioni inquinanti di questi diesel etichettati come EcoDiesel “puliti”.

La “truffa dei gas di scarico” è durata per qualche tempo, poiché i pick-up RAM 1500 e altri veicoli del gruppo dotati di motori diesel (in particolare Jeep) hanno potuto essere immatricolati con un sistema più o meno simile a quello utilizzato dal gruppo Volkswagen.

A giugno, per porre fine a questa lunga vicenda, Fiat ha deciso di dichiararsi colpevole. La giustizia americana ha emesso il verdetto con una multa di 300 milioni di euro, compresi i danni (96 milioni di dollari).

Soprattutto, Fiat Chrysler ha ora una tregua di tre anni, durante i quali la filiale di Stellantis sarà strettamente monitorata dalle autorità americane.

emissioni stellantis fiat frode

Il conto si allunga per Stellantis

Il conto si è appesantito nella prima metà dell’anno, poiché Stellantis ha dovuto pagare la somma di 678 milioni di dollari, ma per una storia completamente diversa.

Si tratta dell’adeguamento delle emissioni dei veicoli del gruppo in relazione ai limiti imposti dal Corporate Average Fuel Economy (CAFE).

Le regole sono semplici: per ogni 0,1 mpg (miglia per gallone) in più rispetto al limite CAFE, il produttore pagherà una multa di 14 dollari per ogni veicolo venduto. Si tratta di un aumento rispetto ai 5,50 dollari dell’era Trump. Le vendite di pick-up RAM sono tutt’altro che trascurabili nel bilancio di Stellantis oltreoceano e il gruppo sta pagando un prezzo elevato. Il gruppo da solo ha rappresentato più della metà delle sanzioni del mercato statunitense nella prima metà dell’anno, stimate in un miliardo di dollari.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media