Notizie.it logo

Formula 1 : penalità e regole della gara

La Formula 1 è uno sport molto seguito in Italia, ma non tutti conoscono con esattezza le regole e le eventuali penalità. Vediamo quali sono.

Elenco di penalità quando un pilota incorre nella violazione di regole

Le principali penalità che riguardano il pilota, nel caso non rispetti le regole durante la gara di Formula 1, sono tre. La reprimenda è quella più soft, fino a due richiami ufficiali, infatti, non si applicano sanzioni, al terzo richiamo, durante la stagione, scatta la retrocessione di dieci posizioni in griglia a partire dal gran premio successivo.

Il Drive – Through, il cui significato letterale è “guida attraverso”. Consiste nel passaggio obbligato per la corsia dei box, senza fermarsi per il pit-stop. Il passaggio naturalmente deve essere effettuato con il limitatore di velocità come imposto dal regolamento della pit lane. Il Drive – Through comporta una perdita tra i 22 e 28 secondi a seconda della lunghezza e velocità consentita nella corsia dei box. Si tratta di una penalità messa in atto nella Formula 1 dal 2002.

Lo Stop & Go è una delle penalità più vecchie nel mondo della Formula 1.

Il pilota deve raggiungere la propria piazzola e restare fermo senza che i meccanici possano operare sulla macchina. Precedentemente ha sempre avuto durata di dieci secondi. Dal 2014 può essere anche di cinque secondi. Attualmente allo scadere dei secondi di penalità è possibile effettuare operazioni di cambio gomme, sostituzione musetto, regolazioni alettoni. Se non viene effettuato lo stop & go, vengono aggiunti i secondi di penalità, più dell’attraversamento pit lane a fine a gara.

La bandiera nera si sventola quando il pilota non effettua un drive through entro tre giri dalla segnalazione della penalità. Se ci si trova negli ultimi cinque giri, non è obbligatorio effettuare il drive through. Verranno aggiunti al tempo della gara ulteriori venti o trenta secondi.

Elenco di regole principali da rispettare

Le regole sono molteplici. La prima tra tutte riguarda il parco chiuso, una volta terminata la Q3 delle qualifiche, le prime dieci macchine in griglia non possono essere toccate dai meccanici. Le gomme da utilizzare devono essere quelle dell’ultimo step di qualifica.

Per quanto riguarda le altre, invece, è possibile operare.

Durante la gara, inoltre, è obbligatorio utilizzare due mescole di gomme. Non c’è limite ai pit stop, l’importante è utilizzare le due tipologie di mescola.

In caso di safety car le auto devono accodarsi alla vettura di sicurezza, senza possibilità di sorpasso. Al rientro della safety car i sorpassi potranno essere effettuati dopo la linea d’arrivo. In caso di virtual safety car i piloti dovranno attivare un limitatore. Le vetture devono rimanere a distanza, senza guadagnare secondi sugli avversari.

L’utilizzo del DRS, l’ala posteriore mobile, è consentito esclusivamente dopo tre giri dall’inizio della gara. Può essere utilizzato se al Detection Point la vettura si trova sotto il secondo di distacco rispetto a chi la precede.

Viene imposta la penalità al pilota a causa di una partenza prematura?

Nel caso un pilota effettui una partenza anticipata, anche di pochissimi centesimi di secondo, scatta una investigazione. La commissione di gara valuterà attentamente le immagini e applicherà il regolamento.

Regolamento che prevede l’assegnazione di una penalità in quanto ha tratto vantaggio dall’anticipazione della partenza. Il regolamento della FIA prevede un Drive Through o uno Stop & Go di 10 secondi. Nella maggior parte dei casi viene applicata la prima sanzione.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
Booster Motorcycle Products Giacca Booster Basano Urban
125.9 €
Compra ora
IXS Giacca con membrana Salta Evo Andover/Zephyros
59.95 €
Compra ora