Taycan e oltre: i piani elettrici di Porsche spiegati

Tutti i dettagli sul futuro della casa automobilistica.

Porsche è nel bel mezzo di un progetto di elettrificazione che va oltre Taycan. Per un po’ di tempo, la casa automobilistica ha lanciato modelli ibridi plug-in nella metà della sua gamma di auto, probabilmente più giornaliera, ma ciò sta per cambiare.

Porsche ha recentemente introdotto la sua prima auto completamente elettrica e altre seguiranno nei prossimi anni.

Cosa sta facendo Porsche in questo momento?

Porsche, come tutte le altre case automobilistiche, ha obiettivi di CO2 da raggiungere entro il 2021, quindi sta lentamente espandendo la sua gamma di ibridi. “Abbiamo una strategia molto chiara per i prossimi 10-15 anni nel periodo di transizione”, ha detto Oliver Blume, CEO di Porsche.

“Abbiamo tre opzioni di motorizzazione: continueremo con i nostri motori a benzina come la nostra 911 e continueremo a migliorarli ancora di più, poi continueremo con le nostre auto ibride di grande successo e penseremo a progettare un ibrido di prestazioni”.

Entrambe le attuali generazioni dei due modelli più grandi della Porsche – la Panamera e la Cayenne – hanno sia un modello e-Hybrid che un modello Turbo S e-Hybrid orientato alle prestazioni.

Inoltre ce ne sono altri in arrivo negli anni successivi. Una “Cayenne GT” superpotente è stata avvistata in natura, con un powertrain PHEV da circa 700bhp.

Mentre l’ibridazione soddisfa sia gli obiettivi della Porsche in termini di prestazioni, sia la sua graduale riduzione dell’emissione di CO2, il marchio sta investendo nell’elettrico a batteria. Dopo anni di prese in giro, concept car e fughe di notizie, Porsche ha finalmente rivelato la versione di produzione del suo primo EV nel 2019: la Taycan.

Ha anche investito in Rimac, acquistando prima una quota del 10 per cento nella società, per poi aumentare quella quota al 15,5 per cento pochi giorni dopo la rivelazione della Taycan del settembre 2019.

Porsche Taycan: il primo EV completo del marchio

La Taycan BEV è l’avanguardia dei piani di auto full-electric di Porsche, rivelata a metà 2019. “È stata una grande sfida iniziare questo progetto e definire molto chiaramente quale fosse il nostro obiettivo da raggiungere”, ha detto Blume. “Per noi era molto chiaro: quando progettiamo e ingegnerizziamo un’auto, deve essere al 100% Porsche con tutti gli elementi Porsche, dalla dinamica di guida alla qualità”.

Al momento della scrittura, la Taycan è stata introdotta in tre varianti: 4S, Turbo e Turbo S. Queste varianti di prestazioni dichiarano ancora tra 250 e 280 miglia di autonomia in Europa (anche se l’EPA negli Stati Uniti dice che la Turbo S ha in realtà circa 190 miglia), con sprint da 0 a 62 miglia in quattro secondi o meno. Porsche sta già creando uno spin-off della Taycan: la Cross Turismo. Pensala come una versione fuoristrada della Taycan, progettata per essere più facile da usare per una gamma più ampia di potenziali clienti.

“Questa combinazione è perfetta per usare tutti i tuoi interessi sportivi e per andare in fuoristrada: una combinazione molto reale”, ha detto Blume. Per il Cross Turismo, costruire un’auto con più spazio e la capacità di andare in fuoristrada. Ho già testato l’auto in ambiente off-road ed ero eccitato come alla guida della Taycan che presentiamo in pista”.

La Macan diventa completamente elettrica

Investire in Rimac potrebbe non essere stato un grande affare per quanto riguarda la Taycan, ma è il prossimo progetto full-electric della Porsche che utilizzerà la tecnologia dell’azienda croata. Lutz Meschke, vice presidente del consiglio di amministrazione di Porsche AG, ci ha detto al lancio della Taycan che l’investimento in Rimac avrebbe aiutato una Macan elettrica.

Meschke ha detto in una dichiarazione: “Ci siamo subito resi conto che Porsche e Rimac possono imparare molto l’una dall’altra. Crediamo in ciò che Mate Rimac e la sua azienda hanno da offrire”. Mate Rimac, fondatore e MD di Rimac, ha aggiunto: “Siamo solo all’inizio della nostra partnership – eppure abbiamo già soddisfatto le nostre alte aspettative. Abbiamo molte idee di collaborazione che puntiamo a realizzare in futuro. L’obiettivo fondamentale è quello di creare una buona situazione per entrambi i partner e di offrire ai nostri clienti finali un valore aggiunto attraverso lo sviluppo di modelli emozionanti ed elettrificati”.

Quindi, cosa significa questo per la Macan? La Porsche ha confermato che la prossima sarà sicuramente completamente elettrica e userà la Premium Platform Electric . Si tratta di una piattaforma elettrica a batteria da 800v che è stata sviluppata principalmente dalla Porsche, ma alla quale ha accesso anche il gruppo VW. Audi, per esempio, creerà una gamma di auto per sedersi sulla base elettrica nei prossimi anni. Porsche ha confermato che anche la prossima Macan elettrica sarà costruita nel suo stabilimento di Lipsia. Ci aspettiamo di vedere la Macan completamente elettrica nel 2021.

Cosa c’è dopo le gemelle 718?

Gli addetti ai lavori suggeriscono che le attuali 718 Boxster e Cayman dovrebbero sopravvivere fino al 2023, prima che Porsche decida cosa fare con la prossima generazione. Fortunatamente, il marchio sta espandendo la gamma di varianti a sei cilindri con la sua opzione GTS 4.0.

Blume ha detto che il marchio ha circa 12 mesi per “andare a destra o a sinistra” sulla costruzione di una 718 elettrica, con gli ingegneri che stanno già lavorando sui prototipi.

i piani di porsche

Ci sarà una 911 elettrica?

La risposta breve è “no”; la risposta lunga è “non per un bel po’”. Meschke ci ha detto che realizzare una 911 elettrica sarà un po’ difficile, ma per la 718 potrebbe essere un ottimo passo per il futuro. Invece, la 911 di generazione 992 rimarrà un’auto con motore a combustione fino all’arrivo del facelift. Porsche dice che questa generazione di piattaforma può prendere un powertrain ibrido, ma sta aspettando fino alla versione ‘992.2’ per introdurlo.

Dopodiché è una storia diversa: una 911 completamente elettrica farebbe arrabbiare una quantità significativa di persone. Tuttavia, se Porsche si impegna a rendere i suoi motori a combustione più puliti, forse c’è ancora un po’ di vita nell’auto sportiva evergreen.

Che dire di una hypercar elettrica Porsche?

Porsche è stata priva di un’auto di punta dopo la 918 Spyder a propulsione ibrida, ed è qualcosa in cui il marchio è ansioso di rientrare. Purché abbia applicazioni nel mondo reale, Porsche non sta per sfornare una hypercar biblicamente potente per il gusto di farlo, ma gli esperimenti sono condotti a porte chiuse.

“Le hypercar appartengono alla Porsche. Tecnicamente è sempre stata la nostra strategia, ma ingegnerizziamo hypercar per migliorare l’innovazione”, sottolinea Blume. “Non abbiamo ancora deciso l’auto, e stiamo ancora lavorando sul concetto e pensando a come migliorare la chimica delle batterie. Ma quando arriveremo al punto in cui avremo ben chiaro quale configurazione dovrebbe esserci in un’auto come questa, allora decideremo. Ma sarà prima della metà del prossimo decennio”.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Auto station wagon: quali sono le migliori sul mercato?

Abarth F595: lo Scorpione porta lo spirito della F4 su strada

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media