Ineos Grenadier: verso l’idrogeno

Il gruppo ha annunciato un investimento di due miliardi di euro nell'idrogeno decarbonizzato.

Ineos non scherzava quando diceva di avere grandi ambizioni. Nel corso degli anni, abbiamo imparato a diffidare dei progetti automobilistici che vengono fuori dal nulla e spesso non hanno futuro, ma dobbiamo ammettere che alla Ineos il gesto va di pari passo con la parola.

Bisogna dire che le riserve finanziarie quasi illimitate del gruppo petrolchimico (e del suo capo Jim Ratcliffe, appassionato di auto e di Land Rover Defender) favoriscono un massiccio sviluppo mondiale.

Prodotto nella fabbrica francese di Hambach, il Grenadier dovrebbe raggiungere rapidamente la sua velocità di 30.000 unità all’anno. Questo è già un ottimo punteggio per un 4×4 puro, virile e senza grandi concessioni al comfort, in un panorama automobilistico sempre più dominato da veicoli elettrici.

Per il momento, Ineos ha optato per il motore a combustione interna senza assistenza elettrica con una gamma di motori BMW a benzina e diesel.

Presto un Ineos Grenadier a emissioni zero

Ciò non durerà a lungo, dato che il produttore britannico ha annunciato ufficialmente lo sviluppo di una cella a combustibile Grenadier. Ovviamente, Ineos non poteva progettare così rapidamente un’unità di produzione di elettricità senza esperienza. Questo è il motivo per cui il marchio ha collaborato con Hyundai, che produce celle a combustibile, in particolare per il SUV Nexo.

I motori elettrici saranno forniti dal gigante austriaco AVL, un importante specialista storico delle motorizzazioni che lavora con numerosi clienti nel settore automobilistico.

Ineos Grenadier

Ineos ha annunciato che effettuerà i primi test su strada del Grenadier FCV Concept nel 2022, il che suggerisce che potrebbe essere commercializzato nel 2023.

Inoltre, poiché Ineos è sia un produttore di automobili che di energia, il gruppo ha annunciato un investimento di due miliardi di euro nell’idrogeno decarbonizzato. Stiamo quindi iniziando a immaginare uno scenario in cui i clienti di idrogeno Grenadier saranno in grado di beneficiare di pompe di idrogeno in tutta Europa.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nissan Micra: un futuro elettrico ma incerto

Nuova Skoda Fabia: la rinuncia alla station wagon

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media