Le auto di Pablo Escobar: modelli e caratteristiche

Da una Porsche 911 IROC RSR a una Mercedes-Benz 300 SL Roadster, il parco auto di Pablo Escobar era davvero impressionante. Scopriamo tutti i modelli.

Le auto di Pablo Escobar erano diverse e decisamente impressionanti. Escobar è stato uno dei più famosi e potenti narcotrafficanti della storia. Ha costruito un impero del crimine che si estendeva ben oltre i confini della sua nativa Colombia.

Durante gli anni ’80 e ’90 ha fatto e disfatto governi, plasmato la politica del suo paese e fatto e perso una fortuna stimata in miliardi di dollari.

Un valore plasmatosi anche nel suo parco auto decisamente costoso. Scopriamo tutti i modelli posseduti da Pablo Escobar.

Le auto di Pablo Escobar: modelli e caratteristiche

Il suo parco auto valeva decine di milioni di dollari ed erano presenti oltre 40 vetture sportive. Tuttavia, Escobar amava anche le motociclette, in particolar modo le Harley-Davidson. Ne acquistò una un tempo appartenuta a Frank Sinatra!

Tra le auto principali troviamo:

  • Porsche 911 IROC RSR (1974) con carrozzeria 935
  • Porsche 911 Targa (1973)
  • Porsche 356A
  • Mercedes-Benz S600 Pullman
  • Mercedes-Benz 300 SL Gullwing
  • Mercedes-Benz 300 SL Roadster
  • Cadillac V-8 Town Sedan (1928)
  • DeSoto S8
  • Rolls Royce Phantom I
  • Renault 4
  • Simca 1000
  • Toyota Land Cruiser FJ40, FJ60, FJ62

Porsche 911 RSR

Quest’auto fu utilizzata all’IROC (Internation Race of Champions), un evento in cui gareggiavano dodici piloti. L’auto fu successivamente venduta a un collezionista e, infine, a Pablo Escobar.

le auto di pablo escobar modelli

La Renault 4 e la carriera agonistica

Escobar partecipò a una serie di gare Copa Renault alla fine degli anni ’70 e sfruttò la Renault 4. Una volta arrivò perfino al secondo posto e pare che portò con sé ben quattro auto: una per sé, una per il cugino e altre due per sicurezza e per qualsiasi evenienza. 

Insomma, Pablo Escobar amava il mondo automobilistico e il suo parco auto lo dimostra egregiamente.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Stefania Netti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com