Maserati Grecale x Barbie: tutto sul modello rosa

Maserati Grecale x Barbie: una collaborazione tra Maserati e la bambola giocattolo più famosa al mondo per fare beneficienza.

Maserati è uno dei marchi italiani più famosi del mondo, la sua storia parla in particolare di vetture sportive e di vita da corsa, l’anima resta nella sua identità ma l’odierna società ha portato i marchi d’auto a collaborare con brand appartenenti a sfere diverse.

Il tridente ha scelto la bambola più famosa del mondo da far accoppiare a Grecale. Vi presentiamo la versione speciale “Maserati Grecale x Barbie”.

Maserati Grecale x Barbie: ecco come si presenta

Maserati ha lanciato il programma di personalizzazione Maserati Fuoriserie da qui nasce Grecale x Barbie.

Il suv del Tridente si fa subito notare per la colorazione rosa della carrozzeria con inserti in colorazione giallo acido. I cerchi sono da 20 pollici in tinta total black.

I due colori che la fanno da padrone all’esterno sono presenti anche internamente in particolare nella zona antistante i sottobicchieri e nei pannelli porta anteriori.

La vettura è stata realizzata in due soli esemplari. Uno verrà venduto ad un’asta di beneficienza e parte del ricavato andrà al Barbie Dream Gap Project.

Del secondo esemplare al momento non si hanno notizie probabilmente verranno svelate più avanti.

Maserati Grecale x Barbie: Nettuno è il suo cuore

Il richiamo alla bambola più famosa nel mondo dei giocattoli è visibile sul montante posteriore dove vi è il suo logo. Sedili, plancia, e rivestimenti godono di impunture rosa.

Dal punto di vista tecnico la versione scelta per la collaborazione tra Maserati e Mattel è una Trofeo che è dotata del celebre V6 “Nettuno” portato ad una potenza di 530 cavalli.

Fare del bene è sempre un bel gesto, aggiungiamo il fatto di avere tra le mani uno dei migliori motori moderni attualmente sul mercato e la magia è compiuta.

Non si può chiedere di più a questa Special Edition.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Filippo Imundi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com