Mitch Evans: chi è il pilota di Formula E

Mitch Evans: vita e carriera del giovane e promettente pilota di Formula E

Nato a Auckland, in Nuova Zelanda, nel 1994, Mitchell Evans – per tutti Mitch – entra nel mondo degli sport motoristici a 13 anni, quando inizia la sua avventura in Formula First, il campionato monoposto motonomarca di Volkswagen. Prima di debuttare in quel torneo, Mitch Evans era stato campione di kart con motore da 100 centimetri cubi e campione neozelandese di Kart Formula 3.

In Formula First Mitch Evans corre per due stagioni senza brillare di luce propria: nel 2007 termina diciottesimo mentre nel 2008 è nono e mette a tabellone un giro più veloce. Successivamente passa in Formula Ford, campionato di categoria e spessore superiore alla Formula First e qui comincia davvero a farsi un nome.

Nel 2008 vince sette gare sulle dodici cui prende parte. Nel 2009 è primo sei volte in Nuova Zelanda e altrettante nel torneo australiano, più competitivo di quello del suo Paese natale.

Leggi anche: “Danilo Petrucci: ‘con la Dakar ho ritrovato la passione per le moto’

Dalla Formula 3 alla E, Mitch Evans al volante

Nel 2009 arriva la grande occasione per Mitch Evans. Il team australiano di Formula 3, BRM, resta senza pilota per l’ultima gara stagionale a Sandown, nei pressi di Melbourne. La squadra telefona a Evans che si fa trovare prontissimo al debutto nel torneo che rappresenta il vero e proprio snodo tra il circuito promozionale monomarca e il professionismo.

In quel weekend il pilota va velocissimo: nessuno gli sta dietro nelle prove libere e alle qualifiche finisce terzo. In gara termina sul gradino più basso del podio nella prima sfida e vincente nella seconda.

Nel 2010 Mitch Evans si divide tra Formula Toyota – torneo che vince – e Formula 3, dove mette assieme una buona serie di vittorie. Nel 2011 e 2012 corre nella serie GP3, quella propedeutica alla GP2 che è tendenzialmente l’anticamera della F1.

Il primo anno non ottiene grandi risultati ma nel secondo si impone su rivali ben agguerriti, firmando il maggior numero di pole position e vittorie.

Nel 2013 debutta nella serie GP2 e fa parlare di sè diventando il più giovane di sempre a salire sul podio nel torneo. In stagione salirà tre volte sui gradini più ambiti. Resta nella serie fino al 2016 dividendosi tra i team Arden, con cui aveva debuttato, Russian Time e Campos Racing.

Nel 2016 debutta in Formula E con la Jaguar.

La carriera di Mitch Evans in Formula E

La Formula E, categoria motoristica che si sta affermando molto ultimamente, com’è noto è dedicata esclusivamente a monoposto spinte da propulsori elettrici. Mitch Evans soffre un pò il passaggio alla nuova categoria racimolando pochi punti.

L’anno successivo Evans affianca Nelson Piquet Jr. e ottiene il suo primo podio inanellando poi una buona serie di piazzamenti che gli valgono la riconferma in squadra anche per l’anno successivo. Nel 2018-2019 si afferma a Roma e termina quinto in classifica generale; l’anno seguente sarà invece settimo in campionato.

Nel 2020-2021 si insedia in Jaguar anche Sam Bird e i due si dimostreranno agguerritissimi, tanto che il team chiuderà secondo in classifica generale alle spalle del Mercedes EQ Formula E Team, una delle migliori franchigie nella storia della categoria. Mitch Evans terminerà il campionato in quarta posizione, il suo miglior risultato di sempre in categoria.

Anche per questa stagione la Jaguar Racing in Formula E si è affidata a Evans e Bird, soddisfatta dai risultati dello scorso anno e ambiziosa per questa stagione nella quale schiera due ottimi driver.

Leggi anche: “Formula E 2022: il regolamento e tutte le novità

Scritto da Mattia Mezzetti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come dare un seconda vita alle batterie elettriche

Ford F-150 Lightning: i dettagli sulla ricarica bidirezionale

Leggi anche
Contents.media