Nuova BMW Serie 5: BMW schiera un EV da 750bhp

Il futuro elettrico di BMW: tutto ciò che sappiamo.

La settima generazione della BMW Serie 5 si ritirerà dopo sette anni a metà del 2023 e il suo successore, la nuova BMW Serie 5, sarà radicalmente trasformato. Il cambiamento sarà sia tecnologico che stilistico, come parte della transizione di BMW verso un produttore di auto elettriche.

In particolare, la Serie 5 seguirà le sue sorelle X3 e Serie 4 nell’essere offerta con una scelta di propulsori a combustione pura, ibridi e completamente elettrici. Tutto ciò in linea con l’ambizione di vendere sette milioni di veicoli ibridi plug-in e puramente elettrici entro la fine del 2030. Quando la nuova Serie 5 sarà in vendita nel 2023, il BMW Group offrirà 12 veicoli completamente elettrici a livello globale, comprese le versioni EV del crossover X1 e della Serie 7.

Sarà inclusa anche una versione completamente elettrica della Serie 3, come modello fratello della i4.

Nuova BMW Serie 5: tutti i dettagli

La prossima Serie 5 – che porta un design frontale più affilato e una linea del tetto più slanciata rispetto all’auto attuale – siederà in cima a una versione evoluta dell’architettura modulare Cluster Architecture. Quest’ultima è usata da tutti gli attuali modelli BMW a parte la i3, la Serie 1, la Serie 2 Gran Coupé e la Serie 2 Active Tourer.

Compatibile con propulsori a combustione pura, mild-hybrid, ibridi plug-in e completamente elettrici, la piattaforma è alla base della strategia BMW di diversificazione del portafoglio in vista del passaggio all’elettrico.

La Serie 5 sarà uno degli ultimi nuovi modelli BMW lanciati prima che l’azienda inizi la “terza fase” della sua transizione elettrica nel 2025. Questa nuova era, chiamata ‘Neue Klasse’, introdurrà propulsori EV di nuova generazione e aumenterà l’attenzione di BMW sulla sostenibilità della catena di fornitura.

Introdurrà anche una piattaforma software completamente nuova con lo scopo di fornire “un’esperienza utente completamente nuova”.

Chiamata in codice G60, la nuova Serie 5 potrebbe essere aggiornata durante il suo ciclo di vita per stare al passo con la line-up della nuova era di Monaco. Tuttavia, quando l’auto sarà lanciata nel 2023, la strategia “Power of Choice” di BMW sarà ancora in funzione. Di conseguenza, ogni modello della lineup è offerto con motorizzazioni a combustione, ibride ed elettriche.

Nuova BMW Serie 5: motori

A tal proposito, è impostato per mantenere in gran parte i motori a benzina e diesel a quattro e sei cilindri solo turbo dell’auto attuale. Così come una scelta ampliata di sistemi ibridi plug-in incentrati su un’unità di combustione a benzina da 2.0 litri o 3.0 litri. Meno certa è la sopravvivenza del 4,4 litri V8-powered M550i xDrive, per occupare il divario tra il 540i e il top-rung M5. Il suo motore a benzina twin-turbo N63 risale alla prima generazione della X6, lanciata nel 2008. Questo renderà l’unità vecchia di 15 anni quando la Serie 5 Mk8 arriverà, quindi non sarà un forte candidato per costose modifiche per essere reso conforme alle nuove normative sulle emissioni Euro 7.

Una possibilità per il successore della M550i è una versione potenziata del powertrain a quattro ruote motrici della 545e PHEV, che comprende un sei cilindri in linea da 3.0 litri e un motore elettrico con cambio montato da 107 CV. Per un totale di 388 CV e 442 lb ft. La M5 stessa è stata ampiamente suggerita per abbinare il suo arci-rivale, la Mercedes-AMG E63, nell’adozione di potenza plug-in per la sua prossima iterazione. Tuttavia con un’unità a benzina di maggiore capacità rispetto al turbo quattro elettrificato di AMG. Il capo dello sviluppo BMW, Klaus Fröhlich, ha già detto che non ci saranno auto M completamente elettriche fino al 2025.

Nuova BMW Serie 5 dettagli

“Fino ad allora, avremo applicazioni PHEV normalmente aspirate, turbo e ‘alimentate’ che forniscono ciò che vogliamo ottenere”, ha detto, suggerendo che i powertrain e le piattaforme puramente elettriche rimangono troppo pesanti per abbinare le prestazioni dinamiche delle auto M di oggi. Una M5 PHEV potrebbe utilizzare la configurazione elettrificata che dovrebbe apparire nel prossimo SUV X8 M.

Quest’ultimo è stato segnalato per accoppiare il V8 biturbo della divisione M “S63” con un motore elettrico da 200 CV per un’uscita combinata nella regione di 750 CV. Nella M5, questo sarebbe quasi certamente una spinta abbastanza significativa (circa 134bhp) per compensare la penalità di peso di un powertrain ibrido.

Nuova BMW Serie 5: ipotesi

Se la M5 adotta un tale set-up, lascia ancora spazio in cima alla line-up della Serie 5 per una variante di performance completamente elettrica ancora più potente basata sul nuovo i5. La piattaforma CLAR può ospitare fino a tre motori elettrici – due sull’asse posteriore e uno anteriore – con una potenza combinata di 800 CV. Questo renderebbe anche una “i5 M”, molto più pesante, capace di superare l’attuale M5 Competition da 616 CV in linea retta.

Fröhlich anticipa anche che il sistema di controllo della trazione significa che l’agilità e la reattività potrebbero essere alla pari. “Il controllo può essere il 100% più veloce di quello di una M4 oggi, quindi è facile avere un’auto più reattiva”, ha detto. “Se si vuole una modalità drift che scivoli a cinque o 10 gradi – anche 45 – allora è facile”.

Tuttavia, resta da vedere se BMW offrirà un’auto stradale così potente. La Porsche Taycan Turbo S ha una potenza massima di 751bhp, ed è una delle auto più veloci in vendita oggi. Più in basso nella scala, la i5 standard si distinguerà dalla Serie 5 con una griglia smussata e un design posteriore su misura. È molto probabile che la i5 rispecchi la line-up della nuova i4, il che significa potenzialmente una scelta di trazione posteriore e integrale.

Sarebbero previste anche uscite che vanno da 335 CV in un entry-level i5 eDrive40 a 536 CV in un modello a doppio motore M50 xDrive. La batteria da 80.7kWh della i4 sarà probabilmente presente. Tutto ciò fornendo una gamma WLTP di circa 350 miglia all’estremità superiore.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Peugeot 308 SW 2021: nuovo look per la familiare francese

Dacia Bigster: un suv leggero dall’aspetto cattivo

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media