Peugeot elettriche: un ibrido plug-in o un EV puro per ogni modello

Il futuro di Peugeot non è mai stato così chiaro e promettente.

Le Peugeot elettriche sono diventate il perno principale del marchio. La nuova 208 supermini e il SUV compatto 2008 incarnano la promessa che ogni nuova auto avrà almeno una variante plug-in da ora in poi.

Così anche la 208 e la 2008 sono entrambe disponibili come auto elettriche, ma questo è solo l’inizio del roll-out dell’elettrificazione.

I prossimi passi di Peugeot includono:

  • Offrire versioni elettriche pure delle sue auto più grandi (308 e più grandi)
  • Introdurre versioni mild hybrid dei suoi motori a combustione interna per migliorare la loro economia di carburante
  • Costruire le proprie gigafabbriche di batterie
  • Lancio di una gamma di auto ad alte prestazioni elettrificate progettate da Peugeot Sport

Il processo delle Peugeot elettriche

La spinta all’elettrificazione è progettata per aiutare Peugeot a ridurre le emissioni totali di carbonio attraverso le sue nuove vendite di auto a meno di 95g/km di CO2.

Tutti i mercati si stanno muovendo molto rapidamente per la riduzione di CO2 e lo sviluppo di veicoli a basse emissioni (LEV). “La previsione è che i volumi di auto ibride plug-in e puramente elettriche crescano di una grandezza pari a 10 tra il 2018 e il 2025”, dice Alexandre Guignard, responsabile della CO2 di PSA Groupe. Guignard ha contribuito a pianificare le piattaforme (telai di auto individuali) e i propulsori (motori/motori e cambi) per questa era elettrica.

Peugeot (come le sue compagne di scuderia Citroën e DS Automobiles, e Vauxhall in futuro) utilizza due piattaforme. CMP per le auto piccole e medie e EMP2 per le auto più grandi. La CMP sostiene le auto del segmento B, come la Peugeot 208, e i modelli più piccoli del segmento C, come la prossima Citroën C4. Sulla più grande piattaforma EMP2 siedono i modelli più grandi del segmento C come la Peugeot 308 (attualmente disponibile in 4,6 metri), e i veicoli del segmento D tra cui la 508 fastback e il SUV 5008.

Attualmente, la CMP è disponibile con motori a combustione interna (ICE) a benzina/diesel o con un propulsore elettrico puro. Una strategia di propulsione diversificata per ciò che Peugeot chiama piattaforme ‘multi-energia’. La più grande piattaforma EMP2 è anche disponibile con motori a combustione interna benzina/diesel o con varianti ibride plug-in. Tuttavia questa divisione elettrificata sta per essere offuscata, secondo il capo della CO2 Alexandre Guignard.

“In un paio d’anni avremo sulla piattaforma EMP2 un powertrain completo per veicoli elettrici a batteria. Allora l’offerta di prodotti sarà ICE, ibrido plug-in o BEV completo”, rivela Alexandre Guignard. “Ma per la CMP ci atteniamo all’ICE o al BEV completo”, aggiunge.

Peugeot elettriche: la EMP2 potrebbe seguire la coupé e-Legende?

L’EMP2 che diventa completamente elettrica è un grande sviluppo, che dà a PSA Groupe la possibilità di portare sul mercato le rivali elettriche full-size della Tesla Model 3 e Model Y. Peugeot ha mostrato la concept car e-Legende a batteria nel 2018, una coupé a due porte con 600 km di autonomia (373 miglia). Misurando 4650 mm di lunghezza, era troppo grande per il CMP – ma EMP2 andando in puro elettrico potrebbe aiutare Peugeot a renderla una realtà di produzione.

Allo stesso modo, l’aspirante marchio premium di PSA Groupe, DS Automobiles, ha in progetto un SUV crossover di punta a zero emissioni, che ha presentato in anteprima con la concept car Active Sport Lounge. Più vicina alla produzione è la versione della prossima generazione della hatchback 308 di Peugeot, che utilizzerà ancora una volta la piattaforma EMP2. Il capo del marchio Peugeot Jean-Philippe Imparato lo ha confermato:”Sarà prima un ibrido plug-in, ma forse più tardi potrebbe avere una trasmissione completamente elettrica”.

Stimiamo che la prossima 308 sarà sul mercato nel 2022.

La strategia di elettrificazione di Peugeot

La strategia iniziale di Peugeot è stata quella di introdurre le trasmissioni elettriche pure sulle auto più piccole, quelle tipicamente più orientate all’uso urbano. L’ibrido plug-in sarebbe destinato alle auto più grandi che probabilmente percorreranno distanze maggiori. Una gamma più lunga richiede tipicamente pacchetti di batterie più grandi, che richiedono auto più grandi che possono ospitare le cellule. Con i marchi di PSA Groupe tipicamente mainstream, questo spiega perché ha elettrificato prima le auto piccole, dove i grandi pacchi batteria non equivalgono a un prezzo di listino compromettente.

Il gruppo ha sviluppato la strategia circa quattro anni fa, decidendo di raggruppare le auto e i furgoni dei suoi cinque marchi su queste due piattaforme, CMP e EMP2. Alcune case automobilistiche hanno scelto di realizzare piattaforme/modelli su misura per le auto elettrificate. Non Peugeot, tuttavia. “Avere un unico modello BEV completo è un grande rischio di investimento”, sostiene Alexandre Guignard. “Abbiamo scelto di avere piattaforme multi-energia, così ogni marchio ha la possibilità di proporre BEV, PHEV (ibrido plug-in) o ICE per soddisfare le aspettative dei clienti”.

Questo è il nocciolo della strategia pragmatica della piattaforma Peugeot. Significa semplicità per il cliente, così chiunque voglia una 208 o una 2008 può averla a benzina, diesel o elettrica, senza compromessi come un diverso stile di carrozzeria o spazio interno ridotto. Inoltre le auto ICE e BEV possono essere assemblate nella stessa fabbrica, e se la domanda diminuisce per un particolare tipo di motore, PSA Groupe può aumentare la produzione di una variante più richiesta.

In arrivo ibridi a 48 volt per aumentare il risparmio di carburante

Peugeot ha dato la priorità agli ibridi plug-in con fino a 40 miglia di autonomia elettrica pura, ma introdurrà anche ibridi leggeri (mHEV) che tipicamente migliorano il risparmio di carburante del 5-10 per cento. “L’ibrido leggero è nella nostra strategia tecnologica di base; avremo questa proposta nella line-up molto rapidamente”, dice il capo della CO2 Alexandre Guignard. “Ne abbiamo bisogno. Vogliamo un portafoglio con ICE elettrificato che significa chiaramente mHEV”.

Aziende come Ford e BMW accoppiano al motore uno starter/generatore integrato a cinghia, che recupera l’energia cinetica quando l’auto costeggia o frena, agendo come un generatore per caricare un piccolo pacco batterie. Questa energia elettrica può a sua volta essere alimentata nella trasmissione, aumentando le prestazioni e riducendo il carico sul motore a combustione. Con il motore in grado di spegnersi più frequentemente, e un sistema elettrico aggiornato a 48 volt, i proprietari potrebbero risparmiare circa 7 miglia in una supermini.

Nuove trasmissioni elettrificate e una fabbrica di batterie

Peugeot sta lavorando su un approccio leggermente diverso, nella sua joint venture con Punch Powertrain. La loro trasmissione a doppia frizione DT2 può incorporare un motore elettrico per assistere il motore a combustione. Per le applicazioni ibride leggere, sarà aggiunto un motore a bassa potenza (20kW), e Punch stima che il sistema offre un risparmio di carburante superiore fino al 15 per cento. Un motore di potenza superiore (90kW) può essere impiegato per auto ibride plug-in con pacchi batteria più grandi. La trasmissione sarà pronta nel 2022, anche se Peugeot deve ancora confermare con quali motori a combustione sarà accoppiata.

L’azienda è coinvolta in un’altra joint venture con Nidec per sviluppare e produrre motori elettrici. Tuttavia la cooperazione più significativa di PSA è con Saft, un produttore di batterie di proprietà del gigante petrolchimico francese Total. Nell’estate del 2021, un impianto pilota per sviluppare batterie agli ioni di litio sarà pienamente operativo, con le celle poi industrializzate nelle gigafatture di PSA Groupe in Francia e Germania. L’obiettivo è di produrre 1 milione di batterie all’anno entro il 2030, o il 10-15 per cento della domanda europea.

Circa 1,3 miliardi di euro di finanziamenti provengono anche da Francia, Germania e UE, poiché PSA Groupe cerca di ridurre la dipendenza dai fornitori cinesi, giapponesi e coreani. Nel corso del tempo, la JV dovrebbe fondersi nella produzione di batterie allo stato solido. La tecnologia delle batterie di nuova generazione in cui l’elettrolita non è liquido ma solido, migliorando la densità di energia delle cellule e le capacità di ricarica.

“Stiamo lavorando molto a fondo per installare questa tecnologia di batterie”, dice Alexandre Guignard. “La nostra strategia è quella di prendere il controllo del nostro powertrain, batterie e motori EV, dall’ingegneria alla produzione”.

Peugeot performanti: migliorate dall’elettrificazione

Un’altra parte fondamentale del futuro a basse emissioni di carbonio di Peugeot sono le auto ad alte prestazioni elettrificate. “È l’unico modo per fornire auto veloci, divertenti e conformi alle emissioni”, dice il capo della Peugeot Jean-Philippe Imparato. “Non c’è assolutamente alcuna alternativa. Voglio il mio divertimento – ma sotto i 50g/km di CO2. La soluzione è elettrificata, ecco tutto”.

Peugeot ha mostrato una visione Peugeot Sport Engineered di una 508, che è arrivata nel 2020. L’ibrido plug-in utilizza una versione da 200 CV del motore turbo a benzina da 1,6 litri di Peugeot, che lavora in tandem con un motore elettrico per far girare l’asse anteriore. C’è un secondo motore che fa girare l’asse posteriore, per la trazione integrale e una potenza totale del sistema che raggiunge i 350 CV.

La gamma Peugeot Sport crescerà, per includere un SUV veloce 3008, un successore completamente elettrico della 208 GTI, e altro ancora. Allo stesso tempo, Peugeot deve eliminare i “cattivi attori” dalla sua gamma: veicoli con alte emissioni di CO2 che fanno salire la media della flotta dell’azienda. Ecco perché la prossima 208 GTI non sarà una piccola e leggera auto a benzina ad alte prestazioni, ma un modello 208 Peugeot Sport completamente elettrico.

peugeot elettriche quali sono

Peugeot elettriche: quali sono

Peugeot e-208

La supermini a zero emissioni con batteria da 50 kWh è stata incoronata Auto dell’Anno 2020 in Europa, e offre un sacco di stile e tecnologia più un abitacolo di alta qualità.

Prezzo a partire da: 25.715 sterline (compreso il contributo di 3000 sterline)

Gamma elettrica: fino a 217 miglia

CO2: 0g/km

7kW wallbox tempo di ricarica: 7 ore e 30 minuti

Peugeot e-2008

Stesso pacco batterie da 50 kWh e motore da 136 CV, ma la carrozzeria SUV offre un’altezza di marcia rialzata e più spazio nell’abitacolo.

Prezzo a partire da: £28,665 (compreso il sussidio di £3000)

Gamma elettrica: fino a 206 miglia

CO2: 0g/km

Tempo di ricarica 7kW wallbox: 7 ore e 30 minuti

Peugeot 3008 ibrida

Il SUV di medie dimensioni è disponibile con due opzioni ibride alimentabili, un modello a trazione anteriore 225hp e un modello a trazione integrale 300hp.

Prezzo da: £36.600

Gamma elettrica: 34-40 miglia

MPG: 157mpg (ciclo di prova WLTP alto)

CO2: da 29g/km

Tempo di ricarica 7kW wallbox: >2 ore

Peugeot 508 ibrida

La bella fastback ottiene l’opzione ibrida della trazione anteriore 225hp, benché il modello di sport di 350hp di Peugeot stia arrivando.

Prezzo da: £34.945

Gamma elettrica: 33-39 miglia

MPG: 166mpg (ciclo di prova WLTP alto)

CO2: da 29g/km

Tempo di ricarica 7kW wallbox: 1 ora e 45 minuti

Peugeot e-Traveller

La versione per il trasporto di passeggeri del furgone Traveller ha cinque o otto posti, una batteria da 50 kWh ed è sbarcata alla fine del 2020

Prezzo da: n/a

Gamma elettrica pura: 143 miglia

CO2: 0g/km

Tempo di ricarica 7kW wallbox: 7 ore e 30 minuti

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ricarica EV a casa: tutto quello che c’è da sapere

Patente di guida: quale serve in base ai tipi di veicolo

Leggi anche
Contents.media