Pininfarina Battista e il suo debutto a Monterey

L'hypercar elettrica non smette di far sognare.

La Pininfarina Battista ha fatto il suo debutto globale al Monterey Car Week, prima che i clienti potessero finalmente mettere le mani sulla hypercar elettrica. La Battista è caratterizzata da cerchi neri lucidi e una carrozzeria in fibra di carbonio a vista con riflessi abbinati all’interno.

Ha inoltre cuciture ‘Iconic Blue’, sedili rifiniti in Alcantara e pelle di lusso sostenibile in tutto l’interno.

È stata affiancata in California dalla Battista Anniversario e da una flotta di altri modelli disegnati da Pininfarina, per celebrare i 90 anni del patrimonio di design dell’azienda. “L’anteprima della prima Battista di serie segna l’inizio di un altro significativo capitolo della storia di automobili Pininfarina”, ha detto Per Svantesson, CEO di Pininfarina.

“Non vediamo l’ora che i nostri clienti sperimentino per la prima volta le immense prestazioni dinamiche e il lusso personalizzato della Battista”.

Tra l’altro, in occasione dell’85esimo anniversario, Pininfarina mostrò la sua Cambiano al Motor Show di Bologna.

Pininfarina Battista: introduzione

La Pininfarina Battista sarà una bestia rara, con la venerata casa di design che dichiarò che la prima auto sarebbe stata limitata a 150 esemplari.

Da allora è andata oltre, rilasciando i dettagli del programma di personalizzazione “Bespoke”, che assicura che non ce ne saranno due uguali. Basata sull’hardware puro-elettrico di Rimac, la Battista si distinguerà da tutte le altre hypercar ad alte prestazioni e a zero emissioni per essere rifinita a mano in Italia. Inoltre, il cliente che avrà un input significativo nel suo look and feel.

L’esemplare ispirato a New York City, rivelato a luglio, illustra il punto.

La forma è la stessa di ogni Battista, ma i colori, i tessuti, la grafica e molti piccoli dettagli sono unici. Ha un tema rosso/bianco/blu che include una trama blu nella fibra di carbonio esposta. Cinture di sicurezza bianche, dettagli in alluminio spazzolato dentro e fuori, strisce bianche e rosse dipinte a mano e molto altro ancora – aggiungendo centinaia di ore alla costruzione.

Restrizioni di tempo permettendo, gli acquirenti saranno in grado di discutere la loro auto con il team di design presso la sede Pininfarina a Cambiano. Sembra dispendiosa e stravagante? In realtà no. È certamente costosa, ma è progettata per essere sostenibile – sia nella scelta dei materiali che nei processi di produzione. Per esempio, la pelle della Battista è realizzata con foglie di ulivo, non con sostanze chimiche dannose, e il nylon è fatto con reti da pesca riciclate. Sara Campagnolo, responsabile colore e design dei materiali di Automobili Pininfarina, ha dichiarato: “È un prodotto di lusso, altamente tecnologico, infuso di sostenibilità in ogni scelta che abbiamo fatto. Vogliamo che i clienti sentano la Battista come propria, non come qualsiasi altra sulla strada”.

“Vogliamo che la Battista abbia una sensazione di lusso italiano contemporaneo ma tradizionale. Ecco perché abbiamo combinato la fibra di carbonio – molto tecnica, precisa e anche molto forte – con la pelle più bella che possiamo trovare. Vogliamo che la pelle invecchi con te in un modo bellissimo, quasi come il vino”.

Pininfarina Battista: gli ostacoli allo sviluppo

Saltando le barriere della pandemia del coronavirus, Pininfarina: ha creato dal nulla una hyper GT enormemente potente, molto formosa e tecnologicamente avanzata. Parlando dopo il completamento della prima serie di test di maneggevolezza, il direttore René Wollmann ha detto: “Siamo molto entusiasti di come l’auto si sta comportando. È incredibile”. Wollmann è entrato alla Pininfarina per aiutarla a realizzare la sua prima auto a marchio proprio dopo aver trascorso un decennio alla AMG.

“Non sono ingenuo. So cosa ottieni normalmente quando hai il tuo primo prototipo in funzione. Trascorri più tempo in piedi che alla guida. Ma in questo caso particolare è stato sorprendentemente positivo. È un’auto che guida già abbastanza bene, con una coppia e una potenza adeguata”, ha detto Wollmann. “Ma non è uno strumento da pista. Stiamo sempre sviluppando lì, perché si può andare al limite e trovare i punti di calibrazione, ma non stiamo inseguendo nessun record sul giro. Su strada dovrebbe sentirsi molto potente ma molto neutrale e buona da controllare. Questo è ciò a cui puntiamo”.

La chiave della Battista è il sistema di torque vectoring che utilizza i quattro motori elettrici, uno per ogni angolo, per aiutare il rapido inserimento in curva. I due motori anteriori hanno 335bhp ciascuno, i posteriori 604bhp. La coppia totale è di 1696lb ft. Il powertrain proviene da Rimac, i pneumatici da Pirelli e i freni carbo-ceramici da Brembo. “Le modalità di guida sono davvero importanti per noi”, ha detto Wollmann. “Se il guidatore vuole una guida davvero calma e lenta attraverso una città, allora non vuoi un’auto agile e traballante. Vuoi un’auto molto liscia. Ma se vuoi, puoi cambiare la modalità di guida in super agile e scivolosa, e ti dà tutto ciò di cui hai bisogno”.

“Abbiamo iniziato a mettere insieme le cose, la fase hardware vera e propria, quando è iniziata la pandemia. Abbiamo dovuto riorganizzare le cose, e la fornitura di parti è stata impegnativa. Ma ce la siamo cavata molto bene in questi tempi folli”. La tabella di marcia di Pininfarina è stata sconvolta a causa del Covid, con la prima delle 150 auto costruite a mano che dovrebbe raggiungere i clienti più tardi nel 2021.

Pininfarina Battista dettagli

Pininfarina: i progetti

Quando Pininfarina ha reso pubblica per la prima volta la sua intenzione di costruire la propria auto, e di farne una hypercar elettrica, molti hanno alzato un sopracciglio. Ma ora, la decisione di evitare la benzina sembra piuttosto intelligente. Con un prezzo che probabilmente si aggirerà intorno ai 2 milioni di euro, una corsa limitata ha senso. Il piano è di seguirla con una gamma di EV di lusso.

La decennale esperienza di Pininfarina nel rendere speciali le auto – tra cui la Ferrari 250 GT Coupé e la Ford StreetKa – dovrebbe aiutare la Battista a distinguersi in quello che diventerà presto un campo affollato di veicoli elettrici ad alte prestazioni. “L’eredità è quello che serve oggi”, ha detto Wollmann. “Guardatevi intorno a tutti i veicoli elettrici. Ne vedete una di cui vi innamorereste personalmente? Questo è davvero importante per noi. Vogliamo un bel design e bei materiali per avere tutto ciò a cui si è abituati nel segmento delle hypercar, ma tutto elettrico”.

“Abbiamo diverse aree di clienti. Ci sono i collezionisti, abbiamo gli appassionati di hypercar e i piloti. Abbiamo anche un nuovo gruppo, persone che hanno un sacco di soldi, che amano la bella arte e le auto ma non amano ciò che ne deriva in termini di rumore e odore. Apriamo le nostre porte a persone che hanno sempre voluto comprare una hypercar ma hanno sempre avuto questo problema”.

Pininfarina Battista: le specifiche

Alimentato da un powertrain prodotto da Rimac, la nuova Pininfarina Battista hyper EV produce 1874bhp, 1696lb ft di coppia da quattro motori elettrici, e può andare da 0-62mph in meno di due secondi. Se si può prendere, la Battista vi porterà a 186 mph da una partenza da fermo in meno di 12 secondi. La velocità massima è di oltre 217 miglia orarie.

Chi ha detto che le auto elettriche sono lente?

Pininfarina dice che la Battista può andare per 280 miglia tra le cariche grazie al suo pacco batterie Li-ion 120KWh. Sì, questa è un’auto completamente elettrica, ricordate. Non è tutto, perché tra i vari progetti è inclusa la concept car Teorema.

Cosa c’entra il nome?

Per quanto riguarda il nome? Il distintivo è significativo: prende il nome dal fondatore di Pininfarina, Battista ‘Pinin’ Farina. Si tratta del primo modello nel portafoglio di Automobili Pininfarina di veicoli elettrici di lusso.

“La Battista è una hypercar veramente bella, senza sensi di colpa – il primo EV di cui innamorarsi veramente”, ha detto Michael Perschke, CEO di Automobili Pininfarina. “L’elettricità ci permette di svilupparla a zero emissioni, ed è l’auto più potente che sia mai stata progettata e costruita in Italia“.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Radford Type 62-2: nasce una nuova Lotus da corsa carrozzata

Bentley Flying Spur guadagna una nuova variante ibrida

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media