Buick Electra X: un nuovo crossover elettrico in arrivo

Il nuovo crossover è destinato a salvare la situazione attuale e porterà avanti lo storico nome Electra.

La nuova Buick Electra X potrebbe essere un’ancora di salvezza. Il più antico marchio automobilistico americano in attività, Buick è stato salvato nei primi anni 2000 dalla sua presenza sul mercato cinese. Da sempre sul podio delle vendite, Buick è lentamente scivolata negli ultimi anni fino a raggiungere il settimo posto nelle vendite del 2021 e una quota di mercato inferiore al 4%.

Buick Electra X: una possibile ancora di salvezza

La situazione è particolarmente critica nel mercato elettrico. I modelli Velite6 e Velite7 hanno rappresentato meno di 25.000 unità lo scorso anno. Buick ha rappresentato solo lo 0,75% delle vendite di auto elettriche in Cina. GM si sta quindi preparando a lanciare una nuova generazione di auto elettriche in Cina. Il gruppo ha già comunicato ampiamente su GMC Hummer, Cadillac Lyriq, Chevrolet Silverado, Equinox e Blazer.

Buick non vuole essere da meno e si prepara a presentare un nuovo crossover elettrico.

La vettura riprenderà lo storico nome Electra, che al suo debutto nel 1959 non si riferiva a un’auto elettrica. Una versione prossima alla produzione sarà presentata a breve. Sarà un crossover snello, come il concept Electra annunciato nel 2020. La versione definitiva sarà presentata alla fine dell’anno per essere commercializzata all’inizio del 2023.

Questo studio stilistico ha approfittato della base offerta dalla Cadillac Lyriq poggiando sulla stessa piattaforma Ultium. Ha annunciato due motori elettrici per una potenza totale di 589 CV. In termini di raggio d’azione, ha dichiarato di avere un’autonomia di 660 km.

Anche se Buick non ha rilasciato alcuna informazione ufficiale su questo argomento, questo nome potrebbe quindi riferirsi all’arrivo di una versione di produzione della concept car nella gamma del produttore.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media