Citroën riuscirà finalmente a vincere la sfida dell’auto essenziale?

Riposizionata come marca entry-level di Stellantis, Citroën intende riproporre in futuro la strategia dell'auto semplice e accessibile.

Citroën riuscirà finalmente a vincere la sfida dell’auto essenziale? Le buone idee non sono riservate a nessuno, ma trovare il momento giusto per metterle in pratica non è da tutti. Così il concetto di auto leggera e semplice, incarnato dal recente studio Oli, non risale a ieri in Citroën.

Risale alla metà degli anni 2000, quando le Chevrolet stavano già pensando di reinventare la 2CV.

L’idea ha preso vita per la prima volta al Salone di Francoforte del 2007 con lo studio C-Cactus, una vettura compatta di 4,20 metri di lunghezza, dotata di un motore ibrido diesel/elettrico e che cerca di eliminare il superfluo per contenere il prezzo e non consumare troppo carburante. Anche se non era ancora il momento di un’ibrida per il mercato di massa, le basi per la futura C4 Cactus erano state gettate.

Nel 2014, Citroën ha presentato questa strana ma intelligente compatta rialzata come “l’auto essenziale”. Snella ma ben equipaggiata, facile da guidare ma confortevole, questa strana C4 dimostra brillantemente che è possibile fare le cose semplicemente e bene. Troppo presto, forse, visto che la Cactus non è un successo e uscirà dal catalogo nel 2019, un ciclo di vita estremamente breve per un’auto.

Citroën auto design oli

Citroën riuscirà finalmente a vincere la sfida dell’auto essenziale?

A distanza di tre anni, il concept Oli, 100% elettrico e votato al minimalismo, non è inedito. Ma dopo una pandemia che sta ancora facendo tossire il settore e nel bel mezzo di una crisi energetica senza precedenti, il messaggio della decrescita risuona più forte. La forma è cambiata per questo manifesto di 4,20 metri, ma la sostanza rimane la stessa.

Per risparmiare energia, le nostre auto devono rimanere leggere e liberarsi di ciò che non è essenziale. Un problema che è stato portato all’estremo con l’auto iperconnessa “a zero emissioni” che, per avere un minimo di autonomia, richiede batterie del peso di diverse centinaia di chili.

La batteria di una semplice Renault Zoe pesa circa 400 kg. “Just enough of everything” è lo slogan che accompagna questa Oli spogliata, limitata a 110 km/h per preservare la sua autonomia. Un mantra doppiamente appropriato per un marchio che vuole essere il più accessibile della galassia Stellantis. Sulla carta, tutto sembra allinearsi per riuscire, finalmente, nella sfida dell’auto essenziale. Il problema è che questo Oli è solo uno studio e nel 2022 Citroën non sarà più la sola a voler giocare la carta della decrescita. Se il relativo insuccesso della C4 Cactus può ancora essere imputato al cattivo tempismo, questa volta l’ostacolo alla ricerca delle Chevrolet ha un nome: Dacia.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com