Le dieci migliori Gran Turismo del 2021

Ecco quali sono le migliori secondo la nostra classifica.

Quale immagine vi viene in mente quando sentite le parole “Gran Turismo”? In passato, l’auto in questione sarebbe stata senza dubbio definita dalla sua carrozzeria coupé aggraziata ma sorprendentemente spaziosa, o da un lungo cofano che ospita un propulsore magnificamente potente e aristocratico.

Oggi, la chiesa delle “GT” è molto più ampia. Questa lista è quindi composta dalle auto che saremmo più felici di guidare su una distanza molto lunga. La stragrande maggioranza ha la sua giusta quota di appeal di lusso, anche se alcune sono più ovviamente progettate per mettere l’impegno del guidatore in primo piano. Alcune hanno quattro porte, quattro posti a sedere per adulti e abbastanza spazio per i bagagli per un fine settimana.

Quindi, quali sono le migliori opzioni a quattro ruote, da 100.000 sterline in su, in cui trascorrere chilometri con stile e un ampio sorriso sul viso?

Porsche Panamera

Il concetto di una berlina Porsche a quattro porte è stato controverso quando la Panamera di prima generazione è stata lanciata nel 2009. Nonostante fosse vulnerabile alle critiche per il suo stile goffo, questa era una vera auto da guida spettacolarmente ben progettata.

Ora liberata da alcune di quelle polemiche iniziali, e molto migliorata per il suo design, la Panamera di seconda generazione è come se avesse finalmente cementato il suo posto nel catalogo dei modelli Porsche. Abbiamo provato su strada quest’auto nel 2017, alimentata da un notevole motore V8 turbodiesel che produce 416 CV e 627 lb ft di coppia. Porsche ha poi rimosso la Panamera Diesel dalla vendita quando ha abbandonato la tecnologia dei motori diesel nel 2018, ma ha lasciato una scelta abbastanza ampia di motori nella gamma showroom.

Per il 2021, questa gamma è stata ritoccata ancora una volta. Il modello Turbo da 542 CV è stato abbandonato a favore di una variante Turbo S ancora più potente, il cui V8 biturbo da 4,0 litri ora sprigiona 621 CV. Il modello GTS ha avuto anche il suo V8 solleticato, in modo che ora sviluppi 473bhp e riempia meglio il divario tra esso e la Turbo S.

Altrove, la notevole Turbo S E-Hybrid range-topper ora ha un combinato 690bhp dai suoi motori benzina ed elettrici. Questo non è l’unico ibrido plug-in a basse emissioni nella gamma. Il modello 4S E-Hybrid da 552 CV è ora affiancato da una variante Panamera 4 E-Hybrid da 456 CV. Una selezione di motori V6 biturbo riempie il resto della gamma.

Al suo meglio, la Panamera fonde l’appello dinamico del driver con le credenziali distintive di giro meglio di qualunque altra automobile del relativo genere. Guida con un peso rassicurante, si gestisce con precisione, si afferra con sicurezza e accelera con urgenza. Si tratta comunque di un’auto grande e pesante ma, nonostante ciò, non soffre molto per il peso aggiuntivo delle batterie di trazione ibrida.

La versione normale a quattro porte ha un bagagliaio da 495 litri, con 1263 litri di spazio se si abbattono i sedili posteriori. Ha inoltre una tecnologia e un infotainment impressionanti. Tuttavia, preferiamo la carrozzeria Sport Turismo shooting brake a cinque porte, che aggiunge un quinto posto per il passeggero. In più, aggiunge un po’ più di aria fresca tra lo stile esterno dell’auto e quello di una Porsche 911 attuale. Merita quindi il primo posto tra le Gran Turismo del 2021.

BMW M550i xDrive

Questo particolare concorrente non ha i tetti spioventi e l’aspetto leggermente più drammatico di alcuni degli altri concorrenti in questa lista, ma la BMW M550i xDrive merita pienamente il suo secondo posto. La M5 – incredibile com’è – è diventata negli anni una macchina da guida sempre più hardcore, una che ora è forse un po’ troppo ferma e un po’ troppo aggressiva per essere considerata genuinamente confortevole per la guida quotidiana.

Questo spostamento ha effettivamente lasciato più spazio nella line-up BMW per un secondo modello di Serie 5 V8. Uno che, pur essendo ancora veloce, poneva maggiore enfasi sul comfort rispetto alla sua sorella della divisione M. Con la M550i xDrive, ciò è esattamente ciò che si ottiene, e per una somma di circa 30.000 sterline in meno di quanto si pagherebbe per una M5.

Anche così, il suo V8 biturbo da 4,4 litri continua a sprigionare una potenza di 530 CV e 553 lb ft, e raggiunge 62 miglia orarie da fermo in meno di 4,0 secondi. Quindi è dannatamente veloce. Inoltre si gestisce ancora in modo davvero coinvolgente, come ogni buona BMW dovrebbe fare. Tuttavia con le sospensioni pneumatiche opzionali, l’isolamento impressionante e l’interno lussuoso e ricco di pelle, quel ritmo immenso è abbinato a un livello di comfort che è sempre più assente dalle auto BMW M.

La M550i xDrive è ancora una BMW veloce e divertente quando si vuole, ma è anche un’auto che si guida molto volentieri – e comodamente – da un capo all’altro del paese. Una Gran Turismo da tenere nel radar.

Mercedes-Benz CLS

Se sia stata la Mercedes a inventare il moderno stile di carrozzeria ibrido, o se sia stata la Maserati con la Quattroporte di quinta generazione, è una questione controversa. In ogni caso, è giusto registrare che la Mercedes CLS originale del 2004 è stata una delle origini di quello che sembra ancora un tipo di veicolo abbastanza nuovo. Mercedes ha probabilmente fatto più di qualsiasi altra casa automobilistica per renderlo popolare da allora.

Non è difficile apprezzare perché una tale auto potrebbe essere una grande GT. L’inclusione di quattro posti a sedere per adulti, il cui accesso è facilitato da quattro porte per i passeggeri, è la principale delle ragioni. Ora nella sua terza generazione di modelli, la CLS si è sempre dimostrata significativamente migliore della maggior parte dei 2+2s per praticità, colpendo un punto alto con la versione Shooting Brake.

La CLS non è mai stata così bella come nella sua prima generazione di modelli di tendenza, ma l’aspetto un po’ goffo della versione di seconda generazione è ormai alle spalle. L’abitacolo in pelle, ricco di tecnologia, non è mai stato così invitante come oggi.

La gamma di motori comprende sia benzina turbo a quattro e sei cilindri che un paio di diesel turbo a sei cilindri. L’ibrido a quattro ruote motrici CLS 53 ha sostituito la vecchia CLS 63 con motore V8 che porta un sapore diverso all’arsenale AMG. Il telaio si destreggia bene tra il coinvolgimento e l’isolamento, anche se le versioni più grandi dotate di pneumatici run-flat valgono certamente un test drive prima dell’acquisto.

BMW Serie 8 Gran Coupé

C’è stato un intervallo di quasi 20 anni tra la cancellazione della BMW Serie 8 originale di generazione E31 e l’introduzione dell’ultima versione. Eppure, l’ultima ammiraglia coupé di BMW porta con sé molta più desiderabilità, status e presenza rispetto alla Serie 6 Coupé. Combina infatti l’appeal del marchio BMW con un comfort da turismo di alto livello, nonché una ricchezza ambientale impressionante.

Per dare all’Audi A7 e alla Mercedes CLS la dovuta competizione, il modello è anche disponibile in una configurazione Gran Coupé a quattro porte particolarmente elegante. C’è una scelta di alimentazione a benzina o diesel, quest’ultima proveniente da uno degli eccezionali motori diesel a sei cilindri in linea biturbo della BMW. Con 316bhp alla spina, sembra ben degno di questo tipo di applicazione. Più in alto nella gamma, c’è un turbo V8 a benzina da 523bhp in offerta nella M850i, e la gamma culmina con la M8 Competition 4.4 litri biturbo da 616bhp.

Tutte le versioni dell’auto sono a quattro ruote motrici, ma tutte hanno sospensioni a molle d’acciaio. Offrono un’esperienza di guida messa a punto per un compromesso dinamico più coinvolgente di alcune auto di questa classe. Inoltre, se si opta per una M850i, si può avere un’auto che ha non solo quattro ruote motrici, ma anche quattro ruote sterzanti e sospensioni a controllo attivo antirollio.

Una Gran Turismo da tenere sicuramente in considerazione.

gran turismo bmw

Mercedes-Benz Classe E Coupé/Cabriolet

La Classe E Coupé si è sempre distinta per essere elegante e bella, nonché in grado di dare grande comfort. È stata aggiornata nel 2020 e la già bella coupé ora sembra perfino migliore, sia dentro che fuori. L’abitacolo arioso ha materiali lussuosi e ricchi che si affiancano elegantemente all’ultima tecnologia di infotainment di Mercedes. Gli ampi sedili rivestiti in pelle offrono un comfort eccellente sulla distanza.

La linea di motori è più o meno la stessa di sempre. Una selezione di motori a benzina e diesel a quattro cilindri costituisce il punto d’ingresso della gamma, ma sono i sei cilindri a benzina più grandi che si adattano davvero a quest’auto. Il modello E450 a trazione integrale è un operatore incredibilmente fluido, con una discreta spinta in rettilineo, una raffinatezza eccezionale e una guida comoda e accogliente.

Coloro che forse vogliono un po’ più di dinamismo troveranno il modello E53 AMG più adatto ai loro gusti. È certamente un’unità più coinvolgente rispetto alla E450, ma rispetto ad alcuni dei migliori sforzi di AMG, può sembrare leggermente piatta a volte.

Tesla Model S

Se c’è un veicolo elettrico che merita di essere incluso tra le migliori Gran Turismo, è sicuramente la Tesla Model S. Nella nuova veste Long Range aggiornata, è presumibilmente buona per più di 400 miglia con una carica, ed è in lavorazione anche una versione Plaid+ da 500 miglia. Con la rete Supercharger a disposizione per fornire ricariche di batteria eccezionalmente veloci e affidabili, l’ansia da autonomia non è un problema.

Naturalmente la Model S è veloce anche in linea retta. Il prossimo modello Plaid produce più di 1000bhp dai suoi tre motori elettrici ed è presumibilmente in grado di raggiungere i 62mph da fermo in meno di 2.0sec. Ci crederemo quando la vedremo, ma anche le versioni a bassa potenza sono ancora incredibilmente veloci.

Dinamicamente, la Model S si è sempre comportata come l’auto grande e pesante che è. Non c’è bisogno di spingere troppo forte per iniziare a testare i limiti di aderenza, ma se ci si accontenta è una tourer veloce e perlopiù confortevole sulle lunghe distanze.

Per quanto riguarda il design interno, Tesla è diventata sinonimo di minimalismo. I controlli fisici sono scarsi, con la stragrande maggioranza delle funzioni dell’auto controllate da una piccola collezione di pulsanti sul volante, o tramite il colossale touchscreen. La Model S è un’auto impressionantemente spaziosa, con un sacco di spazio in seconda fila. Tuttavia, mentre la qualità dei materiali è migliorata nel corso degli anni, non è ancora all’altezza di quella dei migliori marchi europei.

Anche la qualità costruttiva è nota per essere un po’ instabile in alcuni punti. Tutto sommato, potrebbe essere considerata tra le varie Gran Turismo.

Kia Stinger GT S

La traiettoria di Kia in termini di buon design è diventata sempre più ripida da quando ha assunto Peter Schreyer per reinventare l’estetica del marchio. Quello che forse non sapete è che sono stati acquisiti anche i migliori talenti ingegneristici europei per far sì che le auto guidino bene. Qui c’è una fastback a trazione posteriore che utilizza un V6 biturbo 3.3 litri da 365 CV. Il risultato è un’auto che possiede il tipo di sterzata soddisfacente e di equilibrio che, storicamente, sono stati disponibili solo in alcune berline BMW e Jaguar.

Un aggiornamento per il 2021 ha introdotto un nuovo sistema di infotainment insieme ad alcune modifiche minori dei materiali. L’abitacolo non è ancora come quello, ad esempio, di un’Audi A7, ma è confortevole. Il prezzo è di circa 42.595 sterline, quindi la Stinger GT S è un affare indiscutibile.

Audi A7 Sportback

Audi ha preso il concetto di una berlina più aggressiva, creata sullo stampo della Mercedes CLS, lanciando entrambe le derivate A5 e A7 Sportback entro due anni l’una dall’altra. Entrambe si sono dimostrate abbastanza popolari da sopravvivere in una seconda generazione di modelli. Tuttavia, è la più grande delle due che entra nella nostra top 10 delle Gran Turismo.

La A7 di seconda generazione si è ridotta leggermente nella lunghezza complessiva, ma è cresciuta nel passo e nella praticità a quattro posti. Solo gli adulti più alti avranno motivo di lamentarsi dello spazio sui sedili posteriori. Nella parte anteriore, le console centrali del display touch-sensitive widescreen non sono così facili da usare. Ciononostante, le qualifiche dell’auto come mezzo di trasporto di lusso sono al di là di ogni rimprovero. La qualità dei materiali è eccellente e i livelli di raffinatezza a bordo sono molto buoni. Un portellone del bagagliaio in stile liftback rende l’accesso al bagagliaio migliore di alcune auto di questa classe.

L’esperienza di guida della A7 è tipica di molte delle odierne Audi: si sente pudica fino al punto di essere distaccata. L’eccezione degna di nota è la guida dell’auto, che è a corto di fluidità e può sentirsi instabile su alcune superfici stradali. Per i motori, potete attualmente scegliere fra due diesel V6 e una benzina turbo V6 di 335bhp.

Viene offerta anche una gran turismo RS7 Sportback con 591bhp.

Lexus LC

La versione 500 ha un motore V8 superbamente carismatico. La maneggevolezza equilibrata, vivace e coinvolgente dell’auto la fa sentire più una rivale per una Jaguar F-Type che una Mercedes Classe S Coupé.

L’auto sembra grande, pesante e un po’ ingombrante sulla strada, a volte. Tuttavia, la mancanza di spazio di trasporto, i sedili posteriori di uso occasionale e la sensazione legnosa della corsa sono punti contro di essa.

In definitiva, a seconda di quanto siete commossi dalle sue virtù o irritati dai suoi difetti, quest’auto vi sembrerà un po’ un diamante grezzo o un prodotto deludente.

Tuttavia, se vi piacciono le auto da guida ed evitate la versione ibrida, è molto più probabile che possiate reputarlo un diamante grezzo.

Maserati Quattroporte

Più grande e più lunga di quanto non sia mai stata, l’ultima Quattroporte è una limousine executive a grandezza naturale. Nel concept è simile alla Jaguar XJ, in quanto combina il comfort di fascia alta con la guida sportiva che ci si aspetta da una Maserati.

L’interno è al di sopra dei suoi compagni di scuderia per quanto riguarda lo spazio per i passeggeri e le attrezzature. Tuttavia, ora è più di un passo indietro rispetto ai suoi avversari tedeschi sia sulla qualità percepita che sulla sofisticazione tecnologica.

Il fascino del marchio Maserati aiuta l’auto ad attirare l’attenzione, ma non è all’altezza delle altre Gran Turismo in diverse aree chiave. La sua esperienza di guida, pur essendo ancora abbastanza ricca, non è all’altezza di quella del suo popolare predecessore immediato.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I 10 migliori crossover hatchback del 2021

Camper: perchè scegliere una casa su strada

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media