Le dieci migliori supercar del 2021

Il top delle supercar, tra emozioni e dinamicità.

La definizione di supercar può essere sicuramente cambiata negli ultimi due decenni. Qui vogliamo celebrare le più grandi macchine del mondo, con motore centrale e prestazioni di livello superiore.

Le migliori supercar del 2021

McLaren 720S

La McLaren 720S è riuscita dove entrambi i suoi predecessori (la 650S e la MP4-12C) hanno fallito.

Ci sono pochi modi più diretti ed efficaci per le auto di dimostrare la loro superiorità, se non accelerando e girando più velocemente o fermandosi più duramente di qualsiasi rivale. La 720S fa tutte e tre le cose. In molti dei benchmark di performance, infatti, questo blockbuster da 710 CV è più vicino a una hypercar contemporanea che a uno dei suoi avversari a motore centrale.

Eppure è anche insolitamente comunicativa e facile da guidare, è un risultato ergonomico supremo e lusinga uno stile di pista più gratificante di qualsiasi dei suoi predecessori.

McLaren ha lanciato una versione più leggera, più veloce e generalmente più focalizzata sulla pista della 720S: la 765LT. La potenza e la coppia sono state portate rispettivamente a 754bhp e 590lb ft, mentre gli ingegneri hanno tagliato 80 kg di peso.

Si tratta di un’auto davvero molto speciale.

Ferrari SF90 Stradale

Questa sorta di successore della hypercar LaFerrari è l’auto stradale più potente nella storia della Ferrari. È anche l’auto che ha stabilito il tempo più veloce sul circuito di prova di Fiorano.

A proposito, è anche un ibrido plug-in che può viaggiare fino a 15 miglia con la sola elettricità. La SF90 Stradale è un tipo di Ferrari molto diverso, quindi.

Si avvale di una versione pesantemente rielaborata del V8 biturbo da 3,9 litri della 488 Pista, che è completato da un trio di motori elettrici che portano la potenza totale della Ferrari a uno sbalorditivo 986bhp. È un tour de force tecnologico di sicuro, eppure, nonostante il peso aggiuntivo che il powertrain porta, è ancora incisivo, intuitivo, coinvolgente e devastantemente veloce come ci si aspetterebbe da una Ferrari a motore centrale.

Il fatto che sia una comoda auto da viaggio a lunga distanza è un ulteriore vantaggio, e il fatto che si possa teoricamente utilizzarla come auto da pendolari a emissioni zero è una prospettiva divertente da contemplare. Come modello per il futuro elettrificato della Ferrari, la SF90 è estremamente incoraggiante.

Supercar Ferrari F8 Tributo

La Ferrari vi dirà che la sua nuova F8 Tributo è una sostituzione dell’eccellente 488 GTB, ma in realtà si tratta più di un pesante lifting. Detto questo, è un lifting che fa uso di un sacco di know-how ingegneristico rielaborato dalla splendida 488 Pista e dalla 488 Challenge da corsa. Probabilmente, quindi, possiamo dare alla Ferrari un po’ di tregua in questo senso.

Ad ogni modo, il suo V8 biturbo ora sviluppa 710 CV e 568 lb ft e, sorpresa sorpresa, è devastantemente veloce come sempre. Potrebbe ancora mancare un po’ del dramma sonoro del vecchio V8 aspirato della 458 Italia, ma l’introduzione di un nuovo Hot Tube Resonator aiuta a portare un po’ più di rumore nell’abitacolo. Il Variable Boost Management aumenta gradualmente la coppia, quindi elimina quasi del tutto il turbo lag.

Il telaio della F8 Tributo è comunque l’attrazione principale. Non solo rende accessibili le prestazioni stratosferiche del motore, ma conferisce anche livelli ultraterreni di agilità, equilibrio e maneggevolezza. Non fate errori, questa è una supercar sensazionale.

Supercar ferrari f8 tributo

Lamborghini Huracán Evo

Solo i costruttori delle più rare e costose automobili esotiche costruite a mano possono davvero competere con la Lamborghini. Soprattutto quando si tratta di creare auto di pura drammaticità combattiva, con un look da far schiantare il traffico e un’anima selvaggia e sfrenata.

La Huracán Evo può essere il modello entry-level dell’azienda, ma non è un’offerta di secondo ordine quando si tratta del suo stile sensazionale o del suo fantastico e selvaggio V10 aspirato. Si tratta di un motore che supera in egual misura velocità, reattività e carattere. La versione Evo aggiornata ottiene lo sterzo a ruota posteriore e il torque vectoring, e i risultati aumentano il gioco della Huracán più vicino a quello dei suoi rivali McLaren e Ferrari. Il fatto di avere anche il propulsore da 631 CV della vecchia Performante, che è una vettura hardcore, suggella la reputazione di questa Lamborghini junior come una supercar seriamente gratificante e coinvolgente.

Ora c’è anche una versione puramente a trazione posteriore della Evo. Il suo magnifico V10 può produrre un po’ meno potere dei suoi fratelli a quattro ruote motrici, ma guadagna in carattere e dinamicità.

Supercar Ford GT

La Ford GT ha un fascino assolutamente unico e difficile da quantificare. L’auto è risorta originariamente nel 2005. Disponibile solo con la guida a sinistra, ha un telaio e sospensioni più esotiche di quasi tutti i rivali, nonché un motore adattato da quello del pick-up F150.

Anche se le sue dimensioni sono inquietanti, la GT ha una guida sorprendentemente liscia ed è facile da guidare. Anche se non ulula come un V12 italiano, il suo V6 da 647 CV può ancora scagliarvi lungo la strada con veleno da motorsport non diluito. Un’auto molto speciale questa, che non vediamo così spesso.

Lamborghini Aventador SVJ

Un giro sulla supercar a dodici cilindri, con motore centrale e produzione di serie, non è qualcosa che si dimentica. La linea dell’Aventador va indietro attraverso Murciélago, Diablo e Countach fino alla leggendaria Miura, ed è un’auto con un aspetto mozzafiato e un’aggressività nuda e cruda per reggere il confronto anche con i suoi incredibili antenati.

Ha fatto irruzione sulla scena con quasi 700 cavalli atmosferici e la machiavellica trazione integrale nel 2011. Ora è stata aggiornata alle specifiche S nel 2017, per includere quattro ruote sterzanti e ancora più grinta. Adesso abbiamo l’eroica SVJ, che prende un’auto già imperdibile e la trasforma nella più grande calamita d’attenzione del mondo grazie a un sorprendente bodykit.

Il motore, che produce 759bhp a 8500rpm, è stupendo, anche se il suo cambio paddleshift non ne è sempre degno.

Noble M600

Questa supercar britannica a bassissimo volume, costruita a mano, porta il nome dell’uomo dietro la memorabile auto sportiva M12 di fine anni ’90. Tuttavia, è prodotta da un’azienda delle Midlands che non ha più nulla a che fare con lui.

È ancora costruita, si badi bene, per soddisfare i gusti specialistici che Lee Noble potrebbe approvare. Si parla quindi di leggerezza e semplicità, con la purezza di un cambio manuale e della trazione posteriore, senza freni antibloccaggio o aiuti elettronici alla guida.

Quando fu introdotta, il suo V8 turbo Yamaha da 650 CV era abbastanza potente da metterla ben al di sopra della media delle esotiche a motore centrale, in termini di potenza e coppia. La gestione è incredibilmente interattiva, anche se il layout ergonomico dell’auto e la finitura della cabina lasciano un po’ a desiderare.

Supercar noble m600

Supercar da tenere d’occhio

Aston Martin Vanquish

Aston Martin è impostata per far rivivere la sua targa Vanquish. L’auto è stata presentata in anteprima al Salone di Ginevra 2019, sotto forma di concept Vanquish Vision. Dovrebbe fare uso di un motore ibrido di Mercedes-AMG, e una nuova architettura in alluminio legato sarà alla base dell’auto.

La produzione dovrebbe iniziare nello stabilimento Aston Martin di Gaydon nel 2022, con prezzi che probabilmente si aggireranno intorno alle 250.000 sterline quando arriverà sul mercato.

Aston Martin Valhalla

Aston Martin si riferisce alla Valhalla come al “figlio della Valchiria”, ma ciònon vuol dire che debba essere considerata una supercar inferiore.

Potrebbe non usare lo stesso V12 sviluppato da Cosworth come la sua sorella maggiore, ma aspettatevi che la potenza superi gli 800 CV in ogni caso. È chiaro che Aston Martin abbia nel mirino la Ferrari SF90 Stradale.

Farà uso di un’architettura in fibra di carbonio simile a quella della Valkyrie, mentre anche le sue sospensioni attive e l’architettura aerodinamica saranno collegate.

BMW M1

Sono passati circa 41 anni da quando l’originale supercar BMW M1 ha visto per la prima volta la luce del giorno. Finalmente, sembra che Monaco di Baviera possa essere in procinto di mettere in produzione un successore.

La Vision M Next Concept, recentemente presentata in anteprima, farà il suo debutto pubblico al Salone di Francoforte di quest’anno. BMW ha intenzione di mantenere le sue promesse, e sta seriamente considerando di mettere l’auto in produzione. Gli addetti ai lavori ci hanno già detto che l’auto potrebbe essere introdotta come un modello a tiratura limitata, prima del lancio della i8 di seconda generazione.

Si pensa che la potenza provenga da un motore a benzina a quattro cilindri montato dietro il guidatore, che è completato da due motori elettrici per una potenza totale di 591bhp. Si sta valutando anche una gamma solo elettrica da più di 62 miglia.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I dieci migliori SUV per famiglie

Le auto di Renato Zero: dalla Mercedes AMG GTC alla Cooper cabrio

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media