Oliver Turvey: tutto sul pilota britannico di Formula E

Oliver Turvey: la carriera nel Motorsport del portacolori Nio in Formula E.

Oliver Turvey è uno dei piloti più conosciuti dagli amanti del Motorsport. La sua carriera è molto lunga e conta anche svariati successi. In questo articolo ripercorriamo la sua parabola nel Motorsport cercando di scoprire come è riuscito a diventare ciò che è attualmente ovvero un pilota di talento rispettato all’interno del paddock di Formula E.

Oliver Turvey: chi è

Oliver Turvey nasce a Penrith il 1° Aprile 1987

La carriera di Turvey ha inizio nel 1995 sui kart dove corre sino al 2002, anno in cui vince il Junior Yamaha National Championship.

Il debutto in monoposto avviene l’anno successivo correndo nella F. Renault UK Winter Series. Dal 2004 al 2006 corre in Formula BMW inglese ottenendo il 2° posto nell’ultima stagione.

Nel 2007 e 2008 corre prima in Eurocup Formula Renault 2.0 dove termina ottavo e in Formula Renault 2.0 Italia chiudendo nono.

Tutte e due le stagioni con il team Jenzer Motorsport.

Il 2009 lo vede chiudere al secondo posto il campionato britannico di Formula 3.

Oliver Turvey: la carriera

Nel 2010 e 2011 partecipa alla GP2 Series. La prima stagione con iSport la chiude al sesto posto assoluto. La seconda lo vede partecipare a sole due gare con il team Carlin Motorsport.

Dal 2012 è collaudatore del team McLaren in F1 e nel 2015 partecipa al primo giorno di test stagionali a Barcellona.

Conta anche presenze nell’Endurance partecipando alla 24 ore di Le Mans dal 2013 al 2015. E’ vincitore di categoria LMP2 nel 2014 e secondo nel 2015.

Nel 2015 e 2016 partecipa anche al campionato di SuperGT giapponese per Honda classificandosi in dodicesima posizione nel campionato piloti e ottenendo due sesti posti come migliori risultati.

Oliver Turvey: Formula E

Nella stagione 2014-2015 disputa due gare a Londra per il team NEXTEV TCR riuscendo in entrambe a raggiungere la zona punti.

Il 2015-2016 viene confermato nel team, inizia con un sesto posto, arriva nono a Buenos Aires per poi prendere nuovamente punti iridati nell’ultima gara stagionale dove giunge decimo.

Nel 2016-2017 va a punti nelle prime due gare ed ottiene la sua prima pole position in Messico ma in gara è costretto al ritiro.

Stagione 2017-18 il team viene chiamato Nio, termina secondo a Città del Messico ottenendo il primo podio di categoria e chiude il campionato in decima posizione.

Riconfermato per la stagione 2018-19 raggiunge i punti in tre occasioni e termina al 20° posto.

Nel 2020 prosegue con Nio in quella che si rivelerà la sua peggior stagione finora in categoria. Chiude 24esimo con 0 punti.

Nel 2021 migliora le prestazioni dell’anno precedente, arriva sesto in Arabia ed ottavo a Valencia. Chiude il campionato con 13 punti al 23esimo posto della classifica generale.

Per il 2022 è confermato per il settimo anno consecutivo dal Team Nio.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Filippo Imundi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nissan Leaf 2022: l’auto elettrica compatta si rifà il look

Volkswagen ID 2: caratteristiche poco entusiasmanti

Leggi anche
Contents.media