Quanto è buona la nuova VW Polo TSI 110 DSG7?

Pregi e difetti dell'auto targata Volkswagen.

Visivamente più vicina alla sorella maggiore Golf, anche l’omogenea Polo salta nel grande campionato dell’elettronica di sicurezza. Anche se il suo 1.0 TSI 110 CV è piacevole, il suo cambio automatico lo rende un disservizio nella guida quotidiana.

Per rinfrescare il suo best-seller, la casa di Wolfsburg è andata sul mercato… al punto di farla assomigliare sempre più a una Golf. Questo è visibile con i suoi nuovi fari a LED, e ancora di più con le sue luci posteriori, ora estese sul portellone posteriore. I progressi sono stati fatti anche all’interno, dandole un po’ di vantaggio nella qualità percepita rispetto alla Clio e 208, le cui ultime generazioni hanno fatto buoni progressi.

Per non parlare del divario ancora più evidente con l’Audi A1, che è quasi interamente fatto di plastica dura, nonostante il suo prezzo molto più alto.

Di fronte a questi bei materiali siamo lieti di trovare una posizione di guida quasi perfetta, anche per le persone più alte. Ciò è dovuto alla bella ampiezza di tutte le regolazioni, sia sul sedile che sul volante. Inoltre, come sempre con la Polo, l’abitacolo posteriore è generoso e tra i migliori della categoria.

Lo stesso vale per il bagagliaio, che è molto quadrato e quindi facile da caricare.

Polo: i dettagli

Questa mini-Golf ottiene un airbag anteriore centrale che scatta tra i sedili per ridurre al minimo il rischio di lesioni in caso di impatto laterale. Sono presenti anche due USB-C nella parte inferiore della console centrale, più altri due nella parte posteriore sulle versioni Style e R-Line. Infine, la Polo sostituisce i suoi contatori con un display digitale da 8 pollici (10,25 pollici come opzione).

polo

Aggiunge anche una funzione di assistenza al mantenimento della corsia e adotta un touchscreen centrale da 8 pollici per gestire il sistema di infotainment dal secondo livello di allestimento Life. Questo è un aggiornamento tecnico piacevole, anche se ci dispiace che il controllo automatico del clima nei livelli di assetto Style e R-Line è stato commutato in controlli touch stile Golf. Sono infatti molto meno pratici da usare durante la guida rispetto ai pulsanti fisici.

Anche se Volkswagen non ne ha parlato troppo, da poco più di un anno tutti i 1.0 TSI sono stati aggiornati alla versione EVO dotata di un turbo a geometria variabile e del ciclo Miller. Si tratta di una tecnologia unica a questo livello della gamma volta a migliorarne l’efficienza, e quindi il consumo.

Telaio rassicurante

La grande elasticità di questo 1.0 è piacevole su base quotidiana, ma il cambio a doppia frizione DSG7 rovina la maggior parte del piacere. Infatti, la sua modalità D è troppo stile ECO, probabilmente per ottenere buoni risultati all’omologazione andando sistematicamente per i giri molto bassi. Lo sterzo pecca di consistenza per sentire davvero il livello di aderenza, ma il telaio è rassicurante, essendo efficiente e sempre perfettamente stabile.

volkswagen polo gti

Anche qui, il cambio DSG delude. Una volta un punto di riferimento per la scorrevolezza e la velocità, ora soffre di cambi di marcia lenti e anche di slittamento quando si guida un po’ dinamicamente. Avremmo quindi preferito questa Polo TSI 110 CV con un cambio manuale, che è disponibile solo in 80 o 95 CV.

È quest’ultima versione che alla fine abbiamo trovato, in confronto, la più omogenea nonostante il suo cambio a 5 marce. Questo soprattutto perché è più accessibile nel prezzo: da €20.810 già ben attrezzata, contro €25.915 per questo TSI 110 DSG7 R-Line.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le auto berlina migliori sul mercato: modelli e caratteristiche

Dethleffs Globebus T6: il camper in cui vivere

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media