Tesla Cybertruck: le prenotazioni in Europa sono ormai impossibili

I preordini del pick-up elettrico al di fuori del Nord America e del Messico non sono più possibili.

Tesla aveva già dovuto ridurre le prenotazioni e gli ordini per il Cybertruck nell’autunno del 2021. Il prezzo del pick-up elettrico è scomparso e per prenotarlo è stato possibile versare solo un deposito di 100 euro. Ma tra i ritardi di produzione e il gran numero di prenotazioni, Tesla non può più supportare i preordini.

Per questo motivo, il marchio ha deciso di fermarli al di fuori dell’America, soprattutto in Europa.

Tesla Cybertruck: prenotazioni impossibili

La pagina del Tesla Cybertruck offre solo notizie in merito. Solo gli americani, i canadesi e i messicani possono ancora prenotare questo modello. Quando è stato presentato nel 2019, il Cybertruck sarebbe dovuto entrare in produzione alla fine del 2021. Da allora la data è slittata al 2022 e poi è semplicemente scomparsa.

Le ultime notizie parlano di un inizio di produzione nel 2023 e di un arrivo sul mercato statunitense nello stesso periodo. Ma il Tesla Cybertruck dipende da 4680 celle, e questo è uno dei motivi principali dei ritardi. Sospendendo le prenotazioni, Tesla intende riportare un po’ di serenità, anche se ciò significa offendere parte del suo pubblico.

Il Cybertruck mostrato in Texas

Poche settimane dopo l’inaugurazione della sua prima gigafactory europea a Berlino, la cui costruzione è stata tutt’altro che una passeggiata, Elon Musk ha svelato il nuovo Tesla Cybertruck.

Ha approfittato dell’inaugurazione della nuova gigafactory ad Austin, Texas. Va detto che se il modello assomiglia quasi in tutto e per tutto al concept presentato nel 2019, notiamo alcune differenze.

Già operative, le prime Model Y prodotte in loco sono state consegnate ai rispettivi proprietari la sera dell’inaugurazione. Ecco perché Musk, il famoso boss del marchio californiano, ha colto l’occasione per presentare quella che sembra la versione di produzione del pick-up Cybertruck.

Non ha detto esattamente cosa fosse, ma ci sono pochi dubbi.

Tesla Cybertruck prenotazioni europa

Un esempio è la presenza di luci diurne nella parte anteriore poste tra la griglia e gli scudi. I cerchi – dello stesso colore grigio alluminio del corpo – sono ora aperti e lasciano passare l’aria. Infine, la caratteristica principale del Cybertruck è che ora non ha maniglie delle porte. Tutto quello che devi fare per salire a bordo è avere la carta e le porte si aprono automaticamente quando ti avvicini. Ciò solleva domande sulla legalità di questo principio, poiché l’accesso all’auto da parte dei servizi di emergenza in caso di incidente sarebbe ancora più complicato.

La Gigafactory di Austin, il nuovo quartier generale del marchio

Ma dovremo aspettare prima di sapere di più su di esso, dato che nient’altro è stato specificato, a parte la sua entrata in produzione dal prossimo anno e il suo assemblaggio, in ogni caso inizialmente, in questa fabbrica del Texas.

Qui, attualmente, si trova la sede del produttore, precedentemente situato in California. Prima del pick-up, è il modello Y che inaugurerà questa catena di montaggio. Inoltre, l’obiettivo è ambizioso: Tesla spera di produrre in loco circa 500.000 unità all’anno in un anno intero.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

BMW i7: tecnologie che combinano efficienza, ecologia e risparmio

Ibride Plug in: i modelli con l’incentivo

Leggi anche
Contents.media