Genesis G70: la recensione dettagliata

La rivale della Serie 3 potrebbe non essere il top della gamma.

Con una grande berlina e un SUV già disponibili, la Genesis G70 è la terza offerta della risposta coreana agli affermati giocatori europei. Ebbene, mentre la G80 è una rivale della Serie 5, la più piccola G70 è una concorrente diretta della BMW Serie 3.

Se state cercando di capire la convenzione di denominazione, il prossimo SUV GV70 rivaleggia con la X3, mentre la GV80 va a braccetto con la X5.

Profilo della Genesis G70 del 2021

Quindi, c’è molta scelta di motori? No. Nonostante l’ibrido plug-in sia una scelta sempre più popolare nella classe executive compatta, la G70 ha solo due motori regolari. C’è un diesel 2.2 litri da 197 CV per coloro che stanno cercando di contrastare le tendenze attuali e un benzina 2.0 litri in due uscite di potenza.

In fondo alla gamma c’è un’unità da 194 CV che è relativamente lenta, mentre c’è anche una versione da 242 CV che è molto più vivace sulla carta. Nessuna delle unità ha valori di CO2 o di economia particolarmente impressionanti, il che rende questa una vendita difficile per gli utenti di auto aziendali. Un V6 biturbo da 3,3 litri è disponibile in altri mercati.

La mancanza di un modello adeguatamente incisivo è importante?

Potenzialmente, sì. La G70 è solo a trazione posteriore e condivide una piattaforma con la piuttosto divertente Kia Stinger. Inoltre, i modelli Sport Line ottengono alcuni gingilli per aiutarvi a sfruttare al meglio il layout. Ignorando le solite sciocchezze stilistiche, ci sono ammortizzatori adattivi con modalità commutabili, robusti freni Brembo a quattro pistoni davanti e uno scarico sportivo. Insieme alla messa a punto su misura per i gusti europei, il risultato finale è davvero impressionante.

Genesis G70: com’è su strada?

In modalità Comfort c’è una piacevole atmosfera e abbastanza elasticità per evitare di sentirsi con i piedi di piombo su superfici stradali friabili. Le creste più grandi e le compressioni prese a velocità rivelano un bordo leggermente allentato, ma nel complesso è un’esperienza più ammortizzata di una Serie 3 con molle adattive. Non male, considerando che la nostra auto di prova viaggiava su ruote da 19 pollici.

I grandi impatti non ti deviano dalla traiettoria che hai scelto, il rollio del corpo è tenuto bene sotto controllo e il muso resiste bene al lavaggio. Tuttavia, anche con 242bhp da invocare, sentirete solo un leggero irrigidimento della vostra linea in tutte le curve, tranne le più lente. Lo sterzo è invece ben ponderato e preciso, e offre anche un minimo di connessione con la superficie della strada.

Dov’è il problema?

È un peccato che il motore non sia più vivace. Anche se va da 0 a 100 km/h in 6,1 secondi secondo i dati ufficiali, non sembra così veloce sulla strada, nonostante un cambio automatico a otto velocità ad azione rapida. Non è una sorpresa, visto che è più pesante e con una coppia notevolmente inferiore rispetto all’equivalente BMW 330i. Anche con lo scarico sportivo ha un suono un po’ piatto – non che la 330i sia particolarmente sonora – quindi potreste preferire l’attivazione del “sound enhancer” per fingere di avere più di quattro cilindri sotto il cofano.

Questi sono problemi abbastanza minori rispetto al vero difetto: l’efficienza. Nessuna G70, nemmeno la diesel, scende al di sotto della fascia d’imposta BIK del 37%, rendendola difficile da vendere agli utenti delle auto aziendali. Inoltre c’è l’economia: su un lungo e delicato percorso autostradale abbiamo visto un massimo di 34 mpg.

Genesis G70 recensione

Gli interni mi conquisteranno?

A parte qualche cornice di plastica cromata, l’interno è un posto ben messo insieme con una buona diffusione di materiali adeguatamente premium e interruttori che funzionano con precisione. Il sistema di infotainment con touchscreen da 10,25 pollici è nitido e reattivo, anche se è una versione leggermente ritoccata di quello che si trova in una moderna Hyundai o Kia.

I quadranti digitali da 12,3 pollici sono disponibili con una grafica a effetto 3D che ha un bell’aspetto e non fa diventare gli occhi strabici come quelli che si trovano nelle Peugeot. I quadranti cambiano a seconda della modalità di guida, e la sezione centrale può mostrare una varietà di informazioni. Tuttavia, gli equivalenti di Audi e Mercedes hanno molte più opzioni di personalizzazione.

Lo spazio anteriore è abbondante e ci sono molte aree in cui svuotare le tasche. Tuttavia, il bagagliaio è un po’deludente, con meno spazio dei rivali. È abbastanza lungo e largo, ma il vero problema è la profondità.

Genesis G70: verdetto

Cominciamo con le cose buone. La G70 ha certamente una guida decente, con una buona miscela di comfort e abilità in curva a seconda dell’impostazione. Uno sterzo tattile e un cambio automatico fluido e obbediente contribuiscono a renderlo un buon prodotto.

Almeno, lo è se si può ignorare ciò che si nasconde sotto il cofano. Come la G80 che abbiamo testato in precedenza, i motori della G70 mancano della parsimonia richiesta in questa classe, mentre la mancanza di qualsiasi offerta ibrida è un peccato.

Con lo spazio interno leggermente stretto, e il prezzo competitivo ma poco accattivante, per alcuni questa auto potrebbe essere sufficiente. Noi, onestamente, abbiamo bisogno di un po’ più di convinzione per raccomandarla.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Porsche Macan GTS: la recensione

Mercedes EQS: la recensione dettagliata

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media