L’Ineos Grenadier ha un primo prezzo indicativo

L'equipaggiamento sarà completo e moderno fin dall'entry level.

Le prenotazioni per l’Ineos Grenadier sono finalmente aperte. Il costruttore britannico ne approfitta per dare un primo prezzo indicativo: dovrebbe partire da 60.500 euro IVA inclusa. Ebbene, le prenotazioni sono disponibili a 450 euro dal 14 ottobre.

Ineos Grenadier: dettagli

A questo prezzo, è una versione davvero allettante. È omologata per due posti ed evita la sanzione massima di 40.000 euro che tutti i modelli destinati all’uso privato dovranno pagare, sia che siano equipaggiati con la versione a benzina (285 CV) o diesel (249 CV) del BMW 3.0 6 cilindri. Anche se rustico nel design, l’equipaggiamento sarà completo e moderno fin dall’entry level: schermo touch screen centrale da 12,3 pollici, compatibilità Apple CarPlay e Android Auto, sedili riscaldati, ecc.

Precisamente, Ineos ha confermato la prossima introduzione di una versione pick-up, a cui si aggiungerà una versione a passo lungo aumentato a 127″ (circa 3,22 m) portando la capacità di trasporto a 7 persone. Questo sarà in aggiunta alla versione esistente di 115″ (2,92 m), a 2 o 5 posti. Non è prevista una versione a passo corto.

big-ineos-grenadier

Caratteristiche principali

Informazioni importanti in merito alla costruzione di questo mezzo esagerato sono state fornite dalla casa produttrice stessa. La Magna Steyr si occuperà della produzione in serie del modello. Magna, si dedicherà alle sospensioni mentre all’italiana Carraro verrà lasciata la costruzione degli assali. Il cambio sarà uno ZF automatico a 8 rapporti. Molto probabilmente verrà studiata una trasmissione che avrà le prime quattro marce come “ridotte” e le altre quattro più lunghe, senza avere una doppia leva come sulla Land Rover.

La trazione della Ineos Grenadier è ovviamente una 4×4 permanente con differenziali bloccabili, come ci si aspetta da un vero fuoristrada. La guida però è adatta anche all’asfalto grazie a importanti interventi alle sospensioni. Lo scopo è quello di rendere questo mezzo il più duro possibile nella guida impegnativa ma anche comodo quando non si è alla ricerca dell’avventura.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Android auto: tutte le novità e un nuovo super aggiornamento

Vacanze 2021 in moto – Gli errori più commessi dagli italiani in viaggio

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media