Modelli a trazione anteriore: è la fine per BMW?

A causa della complessità tecnica e del costo dell'elettrificazione, BMW Group potrebbe abbandonare i veicoli compatti a trazione anteriore.

La piattaforma modulare UKL del BMW Group, denominata FAAR nella sua ultima evoluzione, è stata introdotta nel 2014 come base tecnica per i modelli compatti a trazione anteriore dei marchi BMW e Mini. Una nuova generazione di veicoli sta iniziando a utilizzarla, dall’ultima BMW Serie 2 Active Tourer alla futura Mini annunciata per il 2023.

Ma il futuro di queste auto dopo il 2025 è incerto, perché la redditività di questa architettura sarebbe minacciata dall’evoluzione delle normative ambientali.

Per rispettare la norma Euro 7, le future auto con motore a combustione non potrebbero avere altra soluzione che essere ibride ricaricabili e offrire più di 50 km di autonomia elettrica. Ciò porrebbe diversi vincoli importanti. Secondo BMW, le dimensioni della UKL rendono difficile l’elettrificazione perché le dimensioni potenziali della batteria sono limitate.

BMW, la fine dei modelli a trazione anteriore?

I vincoli sarebbero anche di natura commerciale. Il costo di una massiccia elettrificazione si ripercuoterebbe pesantemente sul prezzo di questi modelli compatti. Questi ultimi sono pensati per essere accessibili, e la loro distribuzione essenzialmente europea renderebbe la redditività difficile da trovare. Queste auto sono vendute in volumi molto bassi negli Stati Uniti. Il mercato potenziale più grande è probabilmente la Cina, ma lì vogliono solo berline con bagagliaio, piuttosto che utilitarie.

fine BMW trazione anteriore

Tuttavia, i volumi sono relativamente buoni e una vettura di questo tipo è importante come “prima BMW”. “Se dovessimo abbandonare questo mercato, cederemmo la nostra quota ai nostri concorrenti”, ha riferito lo stesso informatore.

Il futuro della BMW Serie 1 e di modelli simili è quindi “in fase di esame”. Questo problema, già noto ai gruppi generalisti come dimostra la scomparsa della Peugeot 108 e della Citroën C1, riguarda anche altri produttori premium oltre a BMW. Per le stesse ragioni, Audi non dovrebbe sostituire direttamente la A1 e la Q2.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volkswagen Passat SW (2023): i cambiamenti del prossimo modello

Nuova Abarth elettrica: le caratteristiche

Leggi anche
Contents.media