Nuova Mercedes C43 AMG (2022): potenza elettrica su un quattro cilindri

Mercedes presenta la nuova C43 AMG, che scambia il suo V6 per un 2.0 turbo a quattro cilindri con ibridizzazione leggera.

La nuova Mercedes C43 AMG è una sorta di rivoluzione. Poiché le leggi e gli standard di CO2 diventano sempre più restrittivi, i produttori non hanno altra scelta che ridurre gli eccessi sulle auto più potenti e prestigiose. E la rivoluzione inizia oggi alla Mercedes.

Anche se il produttore con la stella ha salvato il suo onore con la SL63 AMG, ancora con un motore V8, non può più fare nulla per la Classe C, che deve rispettare i requisiti climatici.

Poiché la berlina vende molto di più, le sue emissioni di CO2 hanno un impatto decisamente maggiore sul calcolo medio del “carbonio” alla fine dell’anno. E per la C43 AMG, questo significa dimenticare il V6 M276: il futuro è su quattro gambe.

Una Mercedes C43 AMG con un motore ibrido

Il vano motore non ha nulla a che vedere con quello della W205, che è stato progettato per ospitare non solo quattro cilindri ma anche V6 e V8. Una modularità che non sarà necessaria sulla W206, poiché le AMG perdono cilindri. La C43 AMG scambia il 3.0 V6 sovralimentato per l’M139, l’ormai molto comune 2.0 turbo a quattro cilindri della A45 S AMG, che si trova anche in una certa Lotus Emira.

Ad ogni modo, la vettura è supportata da una leggera ibridazione e da un BSG (Starter-Booster) che dà una piccola spinta temporanea a bassi regimi di circa 14 CV. Una caratteristica speciale di questo motore è l’uso di un turbocompressore elettrico (48V) nelle fasi in cui i gas di scarico sono troppo deboli per generare una pressione sufficiente.

Così equipaggiata, la M139 supera ancora una volta i 200 CV/litro: 408 CV e soprattutto 500 Nm.

Se avete familiarità con la Mercedes, avrete notato che la C43 è meno potente di una A45 S AMG ma altrettanto efficiente. I 408 CV sono inviati a tutte e quattro le ruote attraverso la trasmissione multidisco Speedshift 9 e il 4Matic (molto incentrato sul posteriore con una divisione 31/69), che è imposto, così come la sospensione controllata e… le ruote posteriori sterzanti!

Mercedes C43 AMG caratteristiche

Telaio specifico e presentazione

La C43 AMG eredita una sospensione anteriore a doppio braccio oscillante e una sospensione posteriore multi-link. Quest’ultima è combinata con una specifica impostazione “AMG” per la sospensione controllata. Anche i freni sono stati rivisti. I dischi ora vantano 370 mm all’anteriore e 320 mm al posteriore su pinze flottanti a singolo pistone. D’altra parte, se si pensava che il passaggio da V6 a quattro cilindri avrebbe permesso alla C43 AMG di perdere peso, non è il caso. La berlina è annunciata a 1765 kg e la tenuta a 1810 kg. Si tratta di circa 50 kg in più rispetto al modello precedente, ma con l’ibridazione e lo sterzo posteriore.

Esteticamente, questa C43 adotta la solita ricetta AMG. Sono presenti la griglia Panamericana, ruote specifiche da 18 pollici e pinze freno grigio. Incluse anche una tappezzeria sportiva e marcature AMG, nonché il logo C43 AMG sul boot. La commercializzazione in Italia non è ancora stata annunciata.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Wiesmann Thunderball: il ritorno di una muscolosa roadster elettrica

Fiat: un SUV sostituirà la Tipo nel 2024?

Leggi anche
Contents.media