Renault Mobilize: svelati i dettagli del quarto marchio

Il marchio si concentrerà principalmente sulle nuove forme di mobilità raggruppate sotto il cosiddetto VaaS: Vehicle as a Service.

Il gruppo Renault ha svelato i dettagli del suo quarto marchio, Mobilize. Mentre alcuni costruttori hanno deciso di rinunciare al car sharing e ai nuovi servizi di mobilità, altri stanno puntando su di loro. Per coincidenza (o meno), pochi giorni dopo l’annuncio dell’acquisizione di Share Now da parte di Stellantis, Renault ha organizzato una grande conferenza per presentare il funzionamento del suo quarto marchio, che si aggiunge ad Alpine, Dacia e Renault nel Gruppo.

Per Renault, Mobilize potrebbe rappresentare l’ancora di salvezza mentre la filiale russa affonda. Avendo deciso di interrompere le proprie attività in Russia dopo la guerra in Ucraina, Renault dovrà inevitabilmente trovare una fonte di reddito alternativa. Mobilize non svolge direttamente questo ruolo, in quanto il marchio è stato creato ben prima della guerra, ma è una gradita nuova fonte di risparmio per Renault, il cui fatturato dipendeva dalla Russia per il 6% delle vendite…

Auto che non si possono comprare

Mobilize costruirà le sue attività attorno a quattro modelli distinti: la micro city car Duo e la sua versione utilitaria Bento, la berlina Limousine e il veicolo utilitario Hippo. Insieme, queste auto rappresenteranno la flotta Mobilize nei Paesi in cui viene offerto il servizio. Clotilde Delbos, amministratrice delegata di Mobilize, ci ricorda che stiamo vivendo in un’epoca in cui “si passa dalla proprietà all’uso”.

Durante la conferenza, Luca de Meo ha ricordato un altro punto: il peso del finanziamento delle auto rispetto al loro utilizzo. ”

Gli acquirenti di auto pagano il 100% del prezzo, ma usano l’auto solo il 10% del tempo”, ha commentato il CEO di Renault, che ha aggiunto che l’auto è la seconda spesa più grande dopo l’abitazione, soprattutto se si tiene conto dello sconto. Per soddisfare le esigenze più occasionali, il self-service e il car-sharing potrebbero quindi rivelarsi interessanti insieme al noleggio senza abbonamento.

Ovviamente, tutti questi usi saranno principalmente per gli abitanti delle città.

Di fronte al timore che negli anni e nei decenni a venire si venderanno sempre meno automobili, i produttori devono reinventarsi. Il car sharing e i servizi automobilistici stanno gradualmente diventando una soluzione per continuare a produrre automobili e per tenere occupate le fabbriche. Lì il tasso di occupazione è un fattore sensibile che ha un impatto diretto sull’occupazione. Ma per poter essere utilizzate da tutti e liberamente, queste auto dovevano essere pensate in modo diverso.

Renault Mobilize dettagli

Affidabilità e longevità

Facili da lavare e da mantenere, le vetture Mobilize sono progettate per durare nel tempo a fronte di un uso intensivo della condivisione e del self-service. Gli ingegneri hanno progettato strutture semplici con elementi intercambiabili (i paraurti anteriore e posteriore sono gli stessi della Duo, ad esempio). I motivi mimetici nascondono anche i graffi e le ammaccature della carrozzeria. In breve, Renault ha progettato queste auto per essere utilizzabili e riutilizzabili, dato che sono riciclabili al 95%.

Infine, la Limo è stata testata per durare più di 300.000 km in servizio gratuito, contro i 100.000 della Duo. Luca de Meo, Direttore Generale di Renault, ha ricordato che le case automobilistiche hanno un ruolo da svolgere nello sviluppo sostenibile, poiché l’industria automobilistica è responsabile del 15% delle emissioni di CO2 in Europa. Ricordiamo, inoltre, che è stata introdotta una nuova scala di penalità in base al peso.

Renault Mobilize, la nuova gallina dalle uova d’oro?

Il Gruppo Renault punta su Mobilize a lungo termine. Già oggi, entro il 2025, il quarto marchio dovrebbe rappresentare il 10% del fatturato totale del colosso francese. L’obiettivo a lungo termine è ancora più ambizioso: 20% entro il 2030. L’anno scorso, il car-sharing di Renault ha rappresentato il 6% del fatturato.

Al momento Mobilize è in perdita, ma il marchio potrebbe raggiungere il pareggio entro il 2025. In seguito, il Gruppo Renault punta a un margine operativo a due cifre, ovviamente molto più alto di quello di Renault, che attualmente è inferiore al 5%. Soprattutto, Mobilize andrà oltre l’automobile per includere finanziamenti, energia (stazioni di ricarica), assicurazione, manutenzione, ecc.

Leggi anche:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Circuito di Catalogna: lunghezza, storia e caratteristiche

Auto diesel 2022: le auto attualmente preferite

Leggi anche
Contents.media