Notizie.it logo

Filtro dell’aria: come e quando sostituirlo

Filtro dell’aria: come e quando sostituirlo

Il filtro dell’aria garantisce una maggiore prestazione del motore. In questa pagina ti mostrerò quello che c’è da sapere sul funzionamento e sul ricambio.

Il filtro dell’aria è una componente essenziale per l’automobile perché consente di trasmettere al motore aria pulita, priva di ogni particella presente nell’aria. Quante volte vediamo che foglie, polvere e altri residui di sporco si depositano sulla carrozzeria? Se gli elementi microscopici, impercettibili all’occhio umano, dovessero entrare nel motore potrebbero causare un malfunzionamento, provocando anche danni seri. Il filtro dell’aria è, fondamentalmente, una cartuccia contenuta in una scatola di plastica posta sopra il motore.

Filtro dell’aria: come funziona

Realizzato in materiali speciali, come tessuti e fibre tessili, il filtro dell’aria è in grado di trattenere tutte quelle particelle inquinanti nocive per il motore. L’aria pulita, quindi, dopo aver raggiunto il tubo di ingresso, si mescola con il carburante e fa scoccare la scintilla. Al momento della combustione della miscela, si origina una pressione che fa ruotare l’albero a gomito che trasmette questa forza alle ruote, implicando il movimento della macchina.

Alla luce del suo funzionamento, il filtro dell’aria è soggetto a ostruzione e deve essere cambiato.

La sostituzione del filtro dell’aria dovrebbe avvenire regolarmente, al fine di garantire le stesse prestazioni meccaniche del motore. Non tutti sanno, infatti, che il filtro dell’aria implica un maggiore inquinamento da parte dell’auto. Non “respirando” più bene, il motore consuma più carburante, facendo lievitare i costi di gestione. Il cambio del filtro dell’aria permette un consumo regolare e garantisce una maggiore prestazione e durata.

La tecnologia automobilistica ha fatto passi da gigante anche nel settore dei filtri dell’aria, implementando una tipologia molto particolare. A differenza del filtro dell’aria classico, realizzato con diversi strati di fibre, il filtro moderno agisce grazie ai carboni attivi presenti sulle componenti naturali con cui sono prodotti, prevalentemente gusci di noci di cocco.

Sintomi e cause di guasto

Quando il filtro dell’aria è vicino al deterioramento, non lavora più bene. I sintomi del malfunzionamento sono diversi, a seconda della causa del guasto. Tra le cause principali del mancato funzionamento è proprio la sostituzione del filtro dell’aria non avvenuta.

Tuttavia, è possibile che il filtro dell’aria si rovini più velocemente, in caso di circolazione su strade sterrate e particolarmente polverose. Un’altra causa di guasto potrebbe dipendere da un’infiltrazione di olio o di acqua.

Come è possibile riconoscere il guasto del filtro dell’aria? Per chi ha una guida attenta e un buon orecchio, sarà alquanto semplice capire che le prestazioni della macchina non siano quelle di sempre o avvertire un rumore costante durante il funzionamento del motore. Un indizio che potrebbe aiutarti a capire il guasto del filtro dell’aria è rappresentato dalla qualità del gas di scarico. In caso di guasto del filtro, l’aria circolante non è pulita e, di conseguenza, anche il gas di scarico risulterà essere più scuro (nero o persino bluastro).

Per evitare degli effetti così drastici e per nulla salutari, sarebbe opportuno sottoporre il filtro dell’aria a dei controlli periodici. Il filtro dell’aria, in teoria, dovrebbe essere sostituito con la stessa regolarità con cui viene cambiato il filtro dell’olio, in media ogni 15-20.000 chilometri.

La sostituzione del filtro dell’aria è un’operazione abbastanza semplice da effettuare che potrebbe non richiedere l’intervento di un tecnico specializzato.

Come cambiarlo

Qualora volessi optare per il ricambio fai-da-te, procurati innanzitutto il filtro dell’aria giusto. Questo deve essere lo stesso che andrai a sostituire. Per individuare il modello corretto, controlla il libretto di istruzioni della tua automobile per trovare tutte le risposte del caso. Il cambio del filtro dell’aria deve essere realizzato con macchina ferma e a motore spento. Per effettuarlo al meglio, ti spiego passo dopo passo il procedimento da seguire per la sostituzione del filtro.

Scegli una superficie piana e accertati che la macchina non si muova, azionando il freno di stazionamento. Una volta parcheggiata la auto, puoi passare alla prossima fase: l’apertura del cofano. Con l’apposita levetta, solleva il cofano e fissalo con l’asticella, accertandoti che sia ben solido. Per individuare il filtro dell’aria, guarda la posizione del motore: generalmente si trova proprio sopra il vano motore.

Il filtro dell’aria è protetto da un elemento in plastica o in metallo di forma quadrata o rettangolare. Dopo aver tolto la protezione, allenta la fascetta che chiude e sigilla il condotto dell’aria, svitando tutte le viti o bulloni. Fai molta attenzione a riporre tutte le viti e gli altri elementi in un posto sicuro, così da poterli recuperare alla fine dell’intervento. Togli il filtro dell’aria dal suo alloggiamento. A questo punto, potrai constatare lo stato reale del filtro dell’aria, nonché il materiale con cui è stato realizzato. Confronta che sia lo stesso del modello nuovo appena acquistato. Puoi quindi procedere alla sostituzione del filtro dell’aria, avendo l’accortezza di pulire con un compressore (o aspirapolvere) il tubo dell’aria e l’alloggiamento. Durante questa operazione, alcuni detriti potrebbero arrivare fino al motore. Per evitare questo inconveniente, usa del nastro adesivo per sigillare il condotto dell’aria. Quando metterai il nuovo filtro dell’aria, sarà sufficiente inserirlo nell’alloggiamento, con la guarnizione di gomma rivolta verso l’alto.

Accertati che i bordi aderiscano in modo quasi ermetico alla guarnizione, per evitare la penetrazione di particelle inquinanti. Complimenti, hai quasi portato a termine l’operazione!

Ora, non ti rimane altro che ripercorrere le fasi a ritroso: ricopri quindi il filtro dell’aria con l’apposita protezione, assicurando che aderisca in maniera ben salda. Fissa le viti e i bulloni che avevi messo da parte e controlla che tutto sia fermo e sicuro. Prima di chiudere il cofano, puoi effettuare un test di prova. Accendi quindi la macchina e verifica la qualità dell’accensione e del funzionamento. Se montato nella maniera corretta, noterai sin da subito gli effetti benefici del ricambio. In caso contrario, prova a smontare di nuovo il filtro dell’aria, cercando di eseguire scrupolosamente ogni singola fase. Qualora il problema dovesse persistere, sarà il caso di contattare il tuo meccanico di fiducia per un controllo immediato: può darsi che il guasto non derivi dal filtro dell’aria e ci sia qualche altra causa a te sconosciuta…

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche