Capire i combustibili sintetici in sei domande

Questi nuovi carburanti avrebbero la capacità di rendere "più pulito" anche un vecchio motore.

Ultimamente l’auto elettrica sembra l’unico mezzo per condurre l’indispensabile lotta contro il riscaldamento globale. Tuttavia, c’è un’altra soluzione che permetterebbe alle nostre auto attuali di andare verso la neutralità del carbonio abbastanza rapidamente: i combustibili sintetici.

Ecco una breve panoramica delle questioni sollevate da queste alternative green al petrolio.

Cosa sono i combustibili sintetici?

Si tratta di ricomporre un combustibile liquido, noto come combustibile sintetico, da CO o CO2 e idrogeno utilizzando vari processi chimici o biochimici. Affinché questi combustibili sintetici siano ecologicamente virtuosi, devono ovviamente essere prodotti in modo pulito. Ciò significa che devono essere prodotti senza alcuna componente di combustibile fossile, sia per la materia prima che per l’energia utilizzata (solare, eolica ecc.).

Si tratta di una novità?

Niente affatto, poiché uno dei processi, chiamato Fischer-Tropsch, è stato sviluppato quasi un secolo fa. Il primo uso su larga scala risale alla seconda guerra mondiale. Dato che la Germania non aveva risorse di gas o di petrolio all’epoca, gli industriali dell’altra sponda del Reno svilupparono e industrializzarono la produzione di idrocarburi liquidi dal carbone, di cui il paese era ricco. Il Sudafrica si è poi interessato a questo campo negli anni ’50 e ’60, a causa delle sanzioni economiche imposte dalle Nazioni Unite in seguito all’apartheid.

Mancando il petrolio, il Sudafrica comprò il processo inventato dagli industriali tedeschi e sviluppò la produzione di combustibili liquidi dal carbone. Ciò avvenne attraverso la compagnia statale Sasol, che divenne leader mondiale nei processi CTL (Coal to Liquid) e GTL (Gas to Liquid). In entrambi i casi, le emissioni di CO2 fossile e l’inquinamento erano molto alti… ma ovviamente non era questa la preoccupazione all’epoca.

A tal proposito, dal prossimo anno entrerà in vigore una nuova scala di penalità sulle emissioni di CO2, e sarà basata sul peso.

combustibili sintetici auto

Questi carburanti sono compatibili con le nostre auto?

Soddisfano le specifiche dei produttori e le loro specificità chimiche possono essere superiori a quelle del diesel e dei carburanti premium di oggi. Inoltre, oltre ad essere neutrali al carbonio, hanno altri vantaggi in termini di inquinamento. Solo ciò che brucia perfettamente in un motore (niente zolfo, benzene, aromatici pesanti, ecc.) sarà messo in questi combustibili. Questi nuovi carburanti avrebbero quindi la capacità di rendere “più pulito” anche un vecchio motore.

Gli studi condotti dal consorzio tedesco Namosyn – tra cui Bosch, BMW e Audi – hanno dimostrato una riduzione di almeno il 50% di particelle e NOx. In una fase di transizione, per abbassare più rapidamente le emissioni di CO2, è possibile mescolarli con gli attuali combustibili fossili, come sta facendo Shell in Germania, in collaborazione con Bosch e Volkswagen.

Cosa dicono i produttori?

Tutti i produttori stanno guardando a questa soluzione. Anche se alcuni non lo pubblicizzano, i tedeschi sono più coinvolti e stanno investendo in questo campo. Ciò permette di rendere i motori a benzina e diesel, e persino l’aviazione, neutrali al carbonio. Porsche privilegia la CO2 industriale recuperata da una fabbrica emettitrice, che si combina con l’idrogeno prodotto per elettrolisi dell’acqua, la cui energia proviene dall’energia solare o eolica, per produrre metanolo.

BMW ha collaborato con la società americana Prometheus Fuels che, sottoponendo una soluzione acquosa che incorpora CO2 dall’aria ambiente a una piastra di rame sotto tensione, riesce a combinare le molecole di idrogeno dell’acqua con quelle di carbonio per creare etanolo, che viene poi convertito. L’azienda sostiene di poterlo produrre a costi competitivi rispetto ai combustibili fossili.

Hyundai sta lavorando a una futura auto a idrogeno, su cui vuole investire pesantemente.

combustibili sintetici cosa sono

Cosa dicono le compagnie petrolifere?

A seconda che siano raffinatori (Total, Shell, ecc.), e si adatteranno a qualsiasi prodotto di base, o che detengano riserve di greggio (Aramco, Gazprom, ecc.), il loro interesse varia. Questo perché i combustibili sintetici competono in parte con il loro petrolio.

Tuttavia, Saudi Aramco è coinvolta in questo argomento con un impianto pilota in Arabia Saudita (metanolo) e un altro in Spagna (processo Fischer-Tropsch) con la locale Repsol.

Quanto costerebbero questi combustibili sintetici?

Oggi, poiché viene prodotto solo in piccoli impianti pilota, il costo del combustibile CO2-neutro è di circa 5 €/l. Tuttavia le proiezioni di Aramco per impianti su scala industriale (30.000 barili/giorno) suggeriscono un costo di 1 €/l entro il 2027-2030, rispetto a circa 0,65 €/l per il carburante senza piombo.

Questo lascia spazio a una TICPE (tassa sul consumo interno di prodotti energetici) che è ragionevole, considerando l’importante vantaggio ecologico.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tutti i caschi di Valentino Rossi nel Motomondiale

Nuova Dacia Duster: quale versione scegliere nel 2022?

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media